Saranno di due tipi, in corrente alternata e continua. Al via l'installazione delle prime 100

La multiutility romana Acea ha avviato l’installazione di 100 colonnine a Roma. Lo ha fatto nell’ambito del Piano Mobilità Elettrica della città, che prevede che l’azienda contribuisca allo sviluppo di un’infrastruttura di ricarica nella Capitale.

Acea, con un investimento di 29 milioni di euro, metterà in funzione 2.200 colonnine entro il 2024 e di queste, oltre 2.000 saranno dislocate a Roma.

Tra Quick e Fast

Le prime 100 colonnine dell’iniziativa saranno attive nei prossimi mesi, saranno installate e gestite da ACEA Innovation, divisione del gruppo che si occupa proprio di reti di ricarica, e utilizzeranno energia proveniente esclusivamente da fonti rinnovabili. Saranno di due tipi: Quick e Fast. Le prime a corrente alternata, le seconde a corrente continua.

La scelta delle aree su cui posizionare i punti di ricarica si è basata su uno studio che ha permesso di individuare le zone della Capitale dove maggiore è la richiesta da parte degli utenti, questo per favorire la più capillare distribuzione geografica dell’infrastruttura e il più ampio utilizzo da parte dei cittadini.

Acea: 2.200 colonnine a Roma

Poi toccherà a Terni

Acea sarà attiva anche al di fuori dei confini romani. L’azienda, infatti, tramite la controllata Umbria Energy, si è aggiudicata una gara indetta dal Comune di Terni che prevede l’installazione di altre 46 colonnine.

Giuseppe Gola, amministratore delegato di Acea, così ha commentato le iniziative: "Nei prossimi anni investiremo molto nella mobilità elettrica, con l’obiettivo di diventare uno dei principali player del settore a Roma e anche al di fuori del territorio della Capitale. Vogliamo supportare la transizione energetica, concentrandoci sui grandi centri urbani, e questa strategia non poteva non partire proprio da Roma, città alla quale siamo particolarmente legati”.