Il mondo EV ha una connotazione pionieristica? Per fortuna esistono le community, in grado di mettere insieme conoscenza e passione.

Fino ad oggi il mondo dell’auto elettrica ha avuto una forte connotazione pionieristica. Del resto, tra connettori, curve di ricarica, kW e kWh sono molti (se non tutti) gli automobilisti spaesati dalle metriche tutte nuove della eMobility. Per fortuna però c’è la community, virtuale e reale, in grado di mettere insieme conoscenza e passione. 

Iscritti che dal 2010 sono andati aumentando esponenzialmente anche grazie a forum online dove scambiarsi opinioni e informazioni in modo meno dispersivo che sui social. Strumenti per creare consumatori dell’elettrico più preparati e consapevoli mantenendo una comunicazione non istituzionale ma interattiva in grado di creare un forte senso di appartenenza.

Condividere è la parola d'ordine

Una comunità solidale non solo sulle auto elettriche ma anche su tutti i servizi che gravitano attorno ad esse, a cominciare dalle stazioni di ricarica. La condivisione di esperienze e di dati ha reso così l'elettrico terreno fertile per la nascita di comunità dedite anche a spingere culturalmente, socialmente e, perché no, politicamente, l'avanzata delle zero emissioni.  

Tesla Model 3
Volkswagen ID.3

La Chat su Electric Days

Discorsi che abbiamo voluto approfondire in compagnia di Camillo Piazza, presidente di Class Onlus, e con Marco Ghisi, fondatore di Forum Elettrico. Insieme abbiamo voluto sviscerare quelle che sono le tematiche - e le problematiche - da affrontare per il presente, ma anche per il futuro della mobilità.

Il tema dell'auto elettrica, difatti, è ancora pionieristico se pur immanente, e dunque, analizzare tematiche su livelli socio-politici da un lato, e reali - come quello di uso e consumo di una colonnina installata di recente (tanto per fare un esempio). Elementi questi, che servono per far conoscere sempre di più questo mondo a zero emissioni per poterlo analizzare e valutare.