Voluta dall'indiana Ola, sarà pronta giugno: realizzerà 10 milioni di veicoli all'anno grazie all'acquisizione dell'olandese Etergo

L’azienda Ola Electric, spin-off sul tema della mobilità a zero emissioni del colosso indiano Ola, ha avviato la costruzione di una nuova gigantesca fabbrica che avrà la capacità di produrre 10 milioni di scooter elettrici all’anno. Tradotto: un e-scooter ogni 2 secondi.

La fabbrica non sarà green solo per il fatto che produrrà veicoli a zero emissioni, ma anche perché sarà carbon negative. Assorbirà cioè più anidride carbonica di quanta ne emetterà nell’aria. Per questo Ola l’ha già ribattezzata come la fabbrica più green del mondo.

La Vespa d'Oriente

Il nuovo stabilimento è già in ostruzione ed è situato nello stato di Tamil Nadu, nel sud dell’India (Paese che sembra muoversi sempre più velocemente in tema di transizione energetica, come dimostra la recente proposta a Tesla). Occuperà un’area di 2 km quadrati e creerà 10.000 posti di lavoro.

Tergo Appscooter by Ola Electric

Ola avvierà la produzione a giugno e per l’estate inizierà a immettere sul mercato i primi esemplari del suo nuovo scooter elettrico, che ricorda la nostra Vespa e che ha un’autonomia di 100 km e una velocità massima di 100 km/h. 

  • Autonomia: 100 km
  • Velocità max: 100 km/h

Inizialmente la produzione sarà di soli (si fa per dire) 2 milioni di scooter all’anno ma, a partire dal prossimo, arriverà a pieno regime: 10 milioni di mezzi ogni 12 mesi.

  • Produzione 2021: 2 milioni di scooter
  • Produzione 2022: 10 milioni di scooter

Si pensa all'esportazione

Il nuovo sito produttivo nasce dopo che Ola ha acquistato l’olandese Etergo, che navigava in acque agitate dal punto di vista finanziario. Il nuovo scooter, infatti, ricorda abbastanza da vicino proprio l’Etergo Appscooter progettato in Olanda.

Con l’acquisizione e la costruzione della nuova fabbrica, la Ola Electric ha detto che non si limiterà a vendere lo scooter in India (uno dei principali mercati per questo tipo di mezzi) ma che sta mettendo a punto un piano per avviare l’esportazione.

Fotogallery: Etergo Appscooter