Il nuovo consorzio QUTAC, che comprende anche le due Case tedesche, punta a sviluppare la tecnologia, tra batterie e guida autonoma

La nuova frontiera dell’industria auto potrebbe essere l’informatica quantistica. La possibile rivoluzione parte dalla Germania, dove 10 aziende hanno dato vita al Quantum Technology and Application Consortium (QUTAC), per sviluppare, testare e condividere nuove conoscenze e applicazioni sul tema.

I fondatori sono BASF, Boehringer Bosch, Ingelheim, Infineon, Merck, Munich Re, SAP, Siemens e le due Case tedesche, BMW e Volkswagen. Tra i settori di studio c’è infatti l’automotive, oltre a quelli della chimica, farmaceutica, assicurazioni.

Batterie, guida autonoma e traffico

Il calcolo quantistico è uno tecnologia agli albori ma è tra le “più promettenti”. L’ha definita così Oliver Zipse, presidente del cda BMW, commentando la partecipazione della sua Casa al consorzio. Tra le possibili applicazioni, per bocca dello stesso Zipse, c’è anche la guida autonoma, su cui altri competitor, come Tesla e Xpeng, stanno puntando passando (per ora) da strade diverse.

Non è la prima volta che si parla di auto e computer quantistici. Volkswagen, ad esempio, ne parlò apertamente. Nel 2018, la Casa di Wolfsburg annunciò i risultati di alcuni test su batterie per auto elettriche ad alte prestazioni. Gli esperti riuscirono a simulare “la struttura di alcune molecole fondamentali per lo sviluppo delle batterie dei veicoli a zero emissioni, come idruri di litio e catene di carbonio”, per riuscire a portare la tecnologia su composti più complessi e arrivare a simulare l’intera struttura chimica di un pacco accumulatori. L’idea era di creare delle batterie su misura per ogni vettura.

Ma non ci sono solo le batterie. Tra le altre applicazioni, VW usò i computer quantistici per ottimizzare il traffico a Lisbona in un progetto pilota che ha visto la messa in onda del primo esperimento alla fine del 2019. In quell’occasione, il sistema calcolò in tempo reale il percorso migliore per ciascuno dei 9 autobus partecipanti, riducendo i tempi di viaggio dei passeggeri.

Computer quantistico

Di cosa parliamo?

Ma facciamo un passo indietro: cosa sono la meccanica quantistica e i relativi computer? La prima è la materia che studia il comportamento degli atomi e delle molecole. I secondi sfruttano le leggi che governano queste particelle, insieme a quelle della fisica tradizionale, per diversi scopi.

I PC quantistici, invece di usare i tradizionali bit, elaborano i qubit e riescono a svolgere più operazioni in minor tempo. Hanno, in sintesi, una maggiore capacità  i calcolo. Si tratta però di una tecnologia pionieristica, che il Quantum Technology and Application Consortium promette si sviluppare e portare a livello commerciale.