Il colosso coreano investe 22,3 miliardi di euro per produrre 500 GWh di accumulatori nel 2030

Quello di SK Innovation è uno di quegli annunci che promettono di cambiare il panorama futuro delle auto elettriche e dei fornitori, soprattutto quelli impegnati nella produzione delle batterie.

Il colosso coreano ha infatti anticipato in un comunicato un investimento di 30.000 miliardi di won (circa 22,3 miliardi di euro al cambio attuale) in cinque anni per diventare il più grande produttore mondiale di batterie per auto elettriche, con una strategia aziendale definita "from carbon to green".

Con 1 TWh di ordini di batterie è già sul podio

Il nuovo piano industriale di SK Innovtion prevede un'ulteriore espansione nel campo delle batterie per veicoli elettrici, ma anche nei separatori per batterie e nel riciclo delle batterie esauste.

Il comunicato parla appunto di un raddoppio degli investimenti nelle tecnologie "green" rispetto agli ultimi cinque anni, con l'obiettivo di passare dall'attuale 30% al 70%. Al momento SK Innovation ha già ordinativi per oltre 1 TWh (1.000 GWh) di batterie, un livello raggiunto da altre due aziende protagoniste del settore; queste non sono citate nella nota ufficiale, ma è facile capire che si tratti di CATL e LG Chem. Il passo successivo è diventare numero uno del mercato mondiale.

Obiettivo annuo: 500 GWh di produzione

Il nuovo benchmark fissato da SK Innovation è quello di raggiungere entro il 2030 una capacità produttiva annua di 500 GWh. Questo significa che sarà in grado di fornire una batteria 100 kWh a 5 milioni vetture elettriche o a 10 milioni di veicoli elettrici con batteria da 50 kWh.

Ecco nello specifico, la roadmap dettagliata della crescita della capacità produttiva annuale, per passare dagli attuali 40 GWh ai 500 GWh tra nove anni.

  • 2021: circa 40 GWh
  • 2023: 85 GWh
  • 2025: 200 GWh
  • 2030: oltre 500 GWh

Allo stesso modo la fabbricazione di separatori per batterie agli ioni di litio avrà una decisa accelerata per triplicare i numeri dei pezzi che escono dagli stabilimenti SK Innovation.

  • 2021: 1,4 miliardi di metri quadri
  • 2023: 2,1 miliardi di metri quadri
  • In prospettiva futura: 4 miliardi di metri quadri

"Estrarre batterie dalle batterie", col riciclo

Il business del riciclo delle batterie esauste sarà invece avviato sperimentalmente da SK Innovation nel 2022, in vista di un'operatività commerciale nel 2024 e una capacità di 30 GWh nel 2025.

In particolare il processo di riciclo delle batterie usate dell'azienda coreana punta al recupero del litio per ridurre dal 40 al 70% la richiesta di estrazione del materiale, con una tecnologia basata su 54 brevetti che intende "estrarre batterie dalle batterie", come recita uno slogan di SK Innovation.