Monza, tempio della velocità reale e... virtuale. Proprio il circuito brianzolo ha infatti ospitato il primo Round della Le Mans Virtual Series, una competizione su simulatori che ha visto impegnati molti team (tra cui quello ufficiale di Porsche) e altrettanti piloti professionisti degli eSports motoristici.

Nel weekend appena passato si è tenuta proprio la 4 Ore di Monza, gara che ha visto la partecipazione di vetture di classe LMP2 e di classe GTE. L'evento si è disputato come un vero GP, con tanto di qualifiche al sabato e con la gara Dopo le qualifiche del sabato, la RRE8G Esport Oreca 07 di classe LMP2 condotta da Erhan Jajovski partiva dalla pole position, mentre Kevin Siggy, con il BMW Team Redline, sfruttava in griglia la miglior posizione tra le vetture di classe GTE.

Tutti salvi alla prima variante

Al momento della partenza, fortunatamente, è stata adottata da tutti una condotta prudente. Cosa che ha permesso di non avere incidenti subito dopo il via alla staccata della prima Variante, la lenta curva destra-sinistra alla fine del Rettifilo. Non sono però mancati i sorpassi. Se tra le vetture di LMP2 Jajovski ha mantenuto la prima posizione, controllando gli avversari e superando indenne la prima staccata, tra le GTE, Loonas Raivio, quarto di classe in griglia, è riuscito a conquistare la leadership tra le vetture di pari categoria, mentre Timotej Andonovski, del Tesla R8G ESPORTS, è riuscito addirittura a passare dall’ottava alla seconda posizione, sempre di GTE.

I due si sono dati battaglia per qualche giro, e poi sono stati autori di una toccata alla Variante della Roggia. L'episodio è valso un drive-through proprio per Andonovski. Stessa sorte per Nuno Punto, del team Fordzilla LMP2, che però ha dovuto scontare la penalità a causa di una falsa partenza.

Round 1 della serie virtuale di Le Mans a Monza

I leader della prima ora

Tra i piloti in lotta per le posizioni di vertice, dietro a un Jajovski in gran spolvero, hanno lottato per una buona mezz’ora Jesper Pedersen e Floyd ByKolles-Burst. I due sono andati entrambi larghi alla prima curva, permettendo alla GPX Rebellion Williams di Marcell Csincsik di unirsi alla lotta per il podio e al leader di incrementare notevolmente il vantaggio sugli inseguitori.

Intanto, in GTE, Mitchell deJong è stato autore di una bella rimonta che lo ha portato in testa al gruppo dopo un inizio incerto. Ed è così che si è arrivati alle prime soste ai box, avvenute a circa un’ora dall’inizio della gara. Cambiate le gomme e cambiati i piloti, si è entrati in una seconda fase della 4 Ore di Monza.

Round 1 della serie virtuale di Le Mans a Monza

Eccesso di agonismo

Purtroppo Gordon Mutch, compagno di squadra di Andonovski, è uscito di strada alla Variante della Roggia, si è girato in testacoda mentre era fermo lungo la pista ed è stato investito dalla Porsche n.61 di Alister Yoong e dalla Jota n.38 di Ferris Stanley. Jonathan Aberdein, alla guida della vettura n. 44, è riuscito a evitare il caos e ha preso il comando mentre sia Mutch sia Stanley sono dovuti rientrare ai box per i gravi danni subiti.

Aberdein, in prima posizione, non ha avuto vita facile e dopo essersi difeso da una serie di attacchi portati da Jefrey Rietved, portacolori del Realteam Hydrogen Redline, all’esterno della Curva Alboreto (la parabolica), ha ceduto il comando proprio a Rietved alla staccata della prima variante.

Con il progredire della gara si è assistito a diversi altri colpi di scena. Marco Saupe, del Team WRT SIMTAG Esports, ad esempio, è stato tamponato mentre era fermo ai box da Luke Browing (Team Fordzilla), con il risultato che entrambi i veicoli ne sono usciti vistosamente danneggiati. L’auto del Team WRT SIMITAG Esports ha ripreso la pista, ma all’altezza della curva grande ha preso fuoco, costringendo la squadra al ritiro.

Round 1 della serie virtuale di Le Mans a Monza

Dopo due ore e mezzo dal via e 90 minuti ancora da disputare, il direttore di gara Eduardo Freitas si è visto costretto a ricordare a tutti che le bandiere blu dovevano essere rispettate. Di fronte ai tanti doppiaggi in entrambe le classi, infatti, era necessario evitare certi duelli tra vetture distanziate da almeno un giro.

Una doppia vittoria "sudata"

A un’ora dal termine della gara nella classe LMP2 il comando era appannaggio di Dani Juncadella, del team Realteam Hydrgen LMP2, bravo a guidare le operazioni con 17” sugli inseguitori. In GTE, invece, a condurre i giochi era la Porsche di Mack Bakkum, inseguita a 30” da due BMW in lotta per la seconda e terza posizione, con quella di Enzo Bonito, del BMW Team Redline, che riesce a sopravanzare quella del BMW Team GB M8 di Sami-Matti Trogen alla prima variante dopo qualche giro passato a distanza ravvicinata.

A mezz’ora dalla fine le auto hanno affrontato l’ultima sosta ai box, con le vetture inseguitrici di entrambe le classi che hanno ritardato il cambio gomme riducendo così di molto il distacco dai leader di LMP2 e GTE. In un finale ad alto tasso adrenalinico, però, la vittoria è andata a Juncadella e ai suoi compagni di squadra Jeffrey Rietveld e Michal Smidl, primi con 7”8 dagli inseguitori. Allo stesso modo, in GTE, la Porsche riusciva a mantenere la prima posizione con solo una manciata di secondi di distacco dagli agguerritissimi avversari.

Round 1 della serie virtuale di Le Mans a Monza

La parola ai protagonisti

“Abbiamo fatto una gara davvero, davvero fluida. Questa è stata la chiave per la vittoria - ha detto l'attuale pilota del DTM Juncadella, che ha aggiunto - Jeffrey ha fatto un primo stint fantastico e Michal ha preso in consegna le sue gomme, il che non è mai facile. Verso la fine, dovevo solo portarlo a casa. Una bella gara”.

"Mitchell e Martin hanno fatto un ottimo lavoro prima che prendessi in mano la macchina, alla fine, si trattava davvero di portarla a casa - ha spiegato Mack Bakkum - Alla fine abbiamo avuto una sorpresa con il BMW Team Redline quando hanno saltato il cambio delle gomme, ma sapevamo che anche se fossero usciti leggermente avanti avremmo avuto un grande vantaggio sul ritmo”.

Round 1 della serie virtuale di Le Mans a Monza

LMP2 Virtual Le Mans Series, Round 1, Monza, Results

#70 Realteam Hydrogen Redline – 147 laps
#22 GPX Rebellion Williams +7.865
#4 Floyd ByKolles-Burst +9.853
#444 Alpha Ind. ByKolles-Burst +27.063
#1 Rebellion GPS Esports +49.913

GTE Virtual Le Mans Series, Round 1 Monza, Results

#91 Porsche Esports Team – 133 lap
#71 BMW Team Redline +7.530
#88 Proton Competition +1 lap
#55 BMW Team GB +1 lap
#89 BMW Team BS+COMPETITION +1 lap

Fotogallery: Le Mans Virtual Series Round 1, Monza