Che la Tesla Model S Plaid sia un’auto fuori dal comune è facile da immaginare. La versione di punta della berlina elettrica di Elon Musk sa scaricare a terra la bellezza di 1.020 CV e può vantare il record di accelerazione sul quarto di miglio tra le auto di produzione (Rimac Nevera a parte).

Alcune parti del suo powertrain, e più nello specifico i suoi tre motori elettrici, sono ora protette da brevetto. A darne notizia è stato direttamente il relativo ufficio statunitense, che ha archiviato un documento dal titolo “Motore a magnete permanente con avvolgimento”.

L'accoppiata rame-carbonio

Facciamo un passo indietro. A inizio di giugno, alla cerimonia di consegna della prima Model S Plaid ai proprietari, Elon Musk ha snocciolato un po’ di informazioni tecniche sui principali componenti dell’auto. Tra i più interessanti, anche i particolari motori per i quali Tesla aveva trasmesso la richiesta di brevetto nel marzo 2021.

Peculiarità delle unità che spingono la Model S Plaid è il particolare rivestimento in carbonio. Carbonio che è utilizzato anche per i rotori. Realizzare questa componente con questo materiale ha comportato sfide tecniche non indifferenti.

Elon Musk stesso ha spiegato infatti che il carbonio e il rame hanno diverse velocità di espansione termica e, per ottenere un risultato soddisfacente, si è dovuto provvedere a realizzare un rivestimento estremamente preciso.

Unità elettrica Tesla Model S Plaid

Metodi produttivi ad hoc

Ma perché è necessario il carbonio? Semplice: perché questo tipo di motore raggiunge regimi di rotazione talmente elevati che necessita di una struttura robusta abbastanza da non subire alterazioni e garantire affidabilità oltre alle prestazioni.

Per realizzare tali rotori, Tesla ha progettato un macchinario specifico. Grazie a questo macchinario la Casa di Elon Musk è riuscita a realizzare un motore estremamente compatto ed efficiente: può essere tenuto in mano ma è in grado di far accelerare un’auto da 2 tonnellate da 0 a 100 in meno di 2”.

In sintesi, gli ingegneri dell'azienda hanno creato un motore con un campo elettromagnetico che è super efficiente e ha una risposta rapidissima anche a regimi di rotazione estremamente elevati. Il motore è in grado di rispondere praticamente allo stesso modo a qualsiasi andatura compresa tra gli 0 e i 320 km/h. Non male.