StoreDot ha appena annunciato di aver sviluppato una tecnologia che permetterà alle batterie di autoripararsi. Questa tecnologia, che è stata brevettata, consente in realtà alle celle di evitare di incappare in problemi e danni e di mantenere un più alto livello di prestazioni delle batterie per più tempo.

Il sistema messo a punto da StoreDot, nello specifico, adotta un software che analizza con precisione l’interno della batteria e individua una cella o un gruppo di celle che per qualche malfunzionamento interno iniziano a surriscaldarsi. A quel punto, il sistema disabilita temporaneamente le componenti più calde permettendo loro di tornare a temperature ideali di esercizio. Il tutto avviene senza che il conducente si accorga di perdite di prestazioni o altro.

Due tipi di vantaggi

StoreDot ha dichiarato che questa tecnologia offrirà 2 tipi di vantaggi. Nell’immediato, scongiurerà possibili danni che, nelle ipotesi peggiori, potrebbero arrivare addirittura all’incendio della batteria; nel lungo periodo, garantirà un’usura minore degli accumulatori, che manterranno un livello più alto di prestazioni.

Il brevetto di StoreDot è stato depositato con la dicitura “Recovering defecting branches and/or cells of battery packs by deep discharges”, che si potrebbe tradurre con un’espressione del tipo “Recupero di moduli e/o celle difettosi attraverso cicli di scarica profonda”.

external_image

Un approccio a 360 gradi

Doron Myersdorf, ceo di StoreDot, ha sottolineato l’impegno dell’azienda che dirige sia nello studiare soluzioni per incrementare la velocità di ricarica sia per la creazione di batterie migliori sotto ogni punto di vista. “Per noi – ha detto – è importante incoraggiare la diffusione di veicoli elettrici per un mondo più pulito e a zero emissioni. Accanto alle nostre celle XFC a dominanza di silicio stiamo inserendo nuovi prodotti per ampliare il nostro portafoglio. Questa tecnologia brevettata che permette di salvaguardare celle o file di celle che si surriscaldano fa parte di questo percorso”.

Tra le altre soluzioni brevettate degne di nota, da segnalare quella secondo cui StoreDot (che sta lavorando anche alle celle 4680) sarebbe in grado di fornire ai propri clienti una batteria dall’autonomia costante per tutta la vita della batteria. L’azienda ha messo a punto anche un booster in grado di accelerare la velocità di ricarica delle batterie anche di fronte a un’infrastruttura lenta.