Magari la sua auto elettrica non sarà veloce come un razzo, ma la società russa Almaz-Antey, che di missili se ne intende e ne produce a scopo militare, prova a dire la sua anche sul palcoscenico delle vetture a batteria.

Lo fa con un SUV battezzato E-Neva, di cui ha da poco depositato i brevetti alla Fips (Federal Service for Intellectual Property) e mostrato i primi rendering ufficiali. È basato sulla quasi omonima piattaforma NEVA, presentata invece l’estate scorsa.

Le specifiche

Lungo 4,5 metri, il veicolo è dotato di trazione integrale e 320 kW, che promettono un’accelerazione da 0 a 60 km/h in 2,7 secondi (il costruttore non fornisce il dato in formato 0-100 km/h) e velocità massima di 197 km/h.

  • Batteria: 90 kWh
  • Velocità max: 197 km/h
  • Accelerazione: 0-60 km/h in 2,7 sec
  • Autonomia dichiarata: 463 km
  • Lunghezza 4,5 m
Rendering ufficiali del crossover Almaz-Antey

Il pacco batterie ha una capacità di 90 kWh, per un’autonomia dichiarata di 463 km. Passando agli interni, tra l’altro molto spaziosi, si possono notare un display touchcreen da 15 pollici al centro della parte anteriore e un altro schermo più piccolo di fronte al guidatore per riassumere tutte le informazioni utili.

Dai Kalashnikov ai missili

Almaz Antey fa però sapere che i progetti non si fermano qui, perché la piattaforma NEVA potrà essere utilizzata in futuro per pick-up e veicoli merci, anche ibridi plug-in.

La società russa non è comunque la prima esperta di armi a essersi lanciata nel business dell’auto elettrica. Basta ricordare Kalashnikov, famosa per il fucile automatico AK-47, pronta a sbarcare nel mondo della mobilità a zero emissioni con ben due veicoli.