Tempo di crash test per la Sion, l’auto elettrica alimentata a pannelli solari prodotta dalla tedesca Sono Motors. Non si tratta ancora di quelli ufficiali Euro NCAP, ma di collaudi svolti presso i laboratori di CSI in Italia (partner del marchio) per raccogliere i primi dati sulla sicurezza dell’auto.

L’esito è sicuramente incoraggiante e rappresenta un passo in avanti verso la commercializzazione del modello, anche se la data del debutto resta ancora incerta.

La prima serie di test

Come mostra il video pubblicato da Sono Motors, la Sion è stata ricoperta da una vernice verde per mettere in maggiore evidenza i danni provocati dal crash test. Le prove si sono svolte a una velocità di 50 km/h, con l’auto che non ha presentato particolari criticità, risultando quindi sicura per i passeggeri e gli altri utenti della strada.

Insieme alla tenuta “fisica” della vettura, sono stati messi alla prova anche tutti i sistemi di assistenza alla guida, tra cui la frenata d’emergenza, il mantenimento di corsia e l’Attention Assist. A tal proposito, l’intenzione del brand è di rendere ancora più completo l’equipaggiamento con l’aggiunta del cruise control adattativo (con funzioni aggiornabili over-the-air) nelle versioni successive al lancio.

In ogni caso, Sono non si fermerà qui e programma di condurre altri test sui circa 300 componenti che compongono la carrozzeria. In un secondo momento si procederà anche ai collaudi Euro NCAP.

Sono Sion: Das Exterieur

Sono Sion

Resta comunque un grande punto di domanda riguardo alla fattibilità del progetto. Sono stessa ha ammesso che servono almeno altri 1.600 ordini per rendere la Sion realtà nel prossimo futuro.

Attualmente, 21.000 clienti hanno prenotato il proprio esemplare con una caparra di 3.000 euro e un prezzo di listino previsto di 25.000 euro. Ancora un ultimo sforzo e l’auto solare potrebbe raggiungere davvero le concessionarie europee.

Fotogallery: Sono Motors Sion e il Solar Bus Kit