Ineos inizia a fare sul serio per il suo primo fuoristrada elettrico. Dopo l'annuncio a maggio 2022, il Costruttore inglese ha rivelato nuovi dettagli sul prossimo 4x4 che proverà a sfidare la Mercedes EQG.

L’Ineos debutterà nel 2026 e sarà assemblata negli stabilimenti dell’austriaca Magna, già autrice del Grenadier, il primo modello in assoluto della Casa fondata da Jim Ratcliffe.

“Laureata” sul Monte Schockl

Gli stabilimenti di Graz, quindi, saranno ancora una volta la “culla” di Ineos. Il nuovo fuoristrada, però, avrà dimensioni più compatte rispetto alla Grenadier che – lo ricordiamo – è lunga 4,9 metri. Anche se il modello abbandonerà il motore termico, non significa che avrà prestazioni inferiori nel fuoristrada impegnativo.

Granatiere Ineos

L'Ineos elettrica dovrà superare le stesse prove in fuoristrada della Grenadier

Pure questa Ineos, infatti, sarà sottoposta ai rigidi test sul Monte Schockl, terreno di prova per alcune delle off-roader più “toste” del pianeta, come la già citata Mercedes Classe G e la sua futura versione elettrica EQG.

Così Lynn Calder, ceo di Ineos, spiega il rinnovo della collaborazione con Magna:

“Abbiamo già lavorato insieme per la Grenadier e abbiamo visto in prima persona il know-how e l’esperienza che Magna può mettere a disposizione. Ora, il nostro accordo si allarga per questo nuovo modello che ci permettere di competere ancora di più sul mercato globale”.

I prossimi fuoristrada a batteria

In generale, nei prossimi anni il panorama di fuoristrada elettrici è destinato a diventare sempre più interessante. Tra le principali protagoniste potrebbe esserci anche la Jeep Wrangler elettrica, con la Casa americana che sta sperimentando da tempo soluzioni a zero emissioni sulla serie di prototipi chiamati “Magneto” e presentati agli scorsi Easter Jeep Safari.

Jeep Wrangler Magneto 3.0 Concept

Jeep Wrangler Magneto 3.0

Attenzione anche alle Volkswagen con marchio Scout. Il Gruppo tedesco è deciso a dare nuova vita all’iconico brand degli anni ’60 e ’70 con un fuoristrada e un pick-up a batteria in arrivo entro il 2026.

Infine, nel 2025 potrebbe essere la volta della Land Rover Defender elettrica, che dovrebbe avere 500 km di autonomia e la stessa versatilità delle versioni endotermiche.

Fotogallery: Ineos Grenadier