Fisker ha tenuto il suo Product Vision Day 2023 e ha fatto all-in. La Casa ha mostrato infatti ben 4 nuovi veicoli elettrici che si uniranno al SUV Ocean nei prossimi due anni.

Al centro della scena, durante l'evento, la supercar elettrica Ronin, accreditata di un'autonomia di 1.000 km. Sarà un veicolo laboratorio per mostrare le innovazioni in tutti i campi della mobilità del futuro. Ma Fisker ha presentato anche la compatta Pear, il pickup Alaska e un pacchetto avventura per l'Ocean chiamato Force E. Il marchio ha anche rivelato il suo nuovo supercomputer, che debutterà proprio sulla Pear. Vediamo cosa ci attende nel dettaglio.

Fisker Pear

La rivelazione più attesa era probabilmente la Pear, abbreviazione di "Personal Electric Automotive Revolution". L'amministratore delegato Henrik Fisker ha dichiarato che l'auto partirà da 29.000 dollari (26.000 euro circa). Negli USA potrà beneficiare di incentivi federali che ne abbasseranno il prezzo a 22.400 dollari.

Fotogallery: Fisker Pear

L'auto, prodotta negli Stati Uniti, si baserà sulla piattaforma SLV1, abbreviazione di "simple", "versatile" e "volume". È una piattaforma "steel plus plus" e utilizza il 35% di componenti in meno. La Pear, il cui lancio è previsto per il 2025, nella sua versione a doppia motorizzazione e trazione integrale, avrà un'autonomia di circa 500 km.  

Nell'attesa possiamo analizzarne il design, che ha frontale con fari ultrasottili e logo illuminato, sensori radar e una finta griglia che ricorda quella della Ocean. La versione esposta durante l'evento aveva anche telecamere al posto degli specchietti retrovisori. Dietro si notano fari a led e l'interessante portellone con inedito sistema di apertura.

La Casa lo chiama "Baule Houdini" e ha un meccanismo che abbassa una parte dello sportello annegandolo nel resto della carrozzeria, soluzione utile quando si parcheggia molto vicini a un altro veicolo o a un muro. La Pear sarà disponibile in configurazione a 5 o 6 posti, con quest'ultima che avrà una panca per ospitare due passeggeri a fianco del conducente. 

Fisker Ronin

Un'altra novità interessante è la Ronin, che il marchio definisce la prima cabriolet a 4 porte e 5 posti del mondo con tetto rigido. L'auto ha copertura mobile in fibra di carbonio e sarà realizzata in tiratura limitata. Il suo aspetto, soprattutto nel profilo, è un omaggio alla Fisker Karma, vettura sportiva lanciata dal brand nel 2012 prima del fallimento e della rinascita.   

L'auto può essere considerata una sorta di rivale della futura Tesla Roadster e ha assetto ribassato e passaruota scolpiti, con portiere che si aprono a forbice. Per massimizzare l'efficienza aerodinamica, sarà dotata anche di flap aerodinamici attivi. 

Fotogallery: Fisker Ronin

La GT elettrica di lusso avrà una batteria strutturale e cell-to-pack che elimina la presenza di elementi intermedi. Anche in questo caso l'autonomia dichiarata è di 1.000 km. L'auto, a trazione integrale, avrà 3 motori elettrici e una potenza di oltre 1.000 cavalli, con un tempo da 0 a 100 km/h di soli 2 secondi. Il lancio della Ronin è previsto poco dopo quello della Pear, verso la fine del 2025.

Fisker Alaska

Fisker ha annunciato che entrerà anche nel settore dei pick-up elettrici. Lo farà con l'Alaska. Il mercato dei pick-up elettrici è in forte crescita e attualmente è occupato da veicoli del calibro di Ford F-150 Lightning, Rivian R1T, Hummer EV e Chevrolet Silverado (c'è anche il tesla Cybertruck in arrivo). Fisker sostiene che l'Alaska sarà il modello più sostenibile e leggero del mondo.

È costruito sulla piattaforma FT31, una piattaforma modificata e allungata che la Casa ha sviluppato internamente. A metà strada tra un modello compatto e uno medio, stilisticamente rimanda alle altre vetture della Casa, Ocean in testa. L'Alaska ha un cassone da 1,37 metri di lunghezza che può essere allungato fino a 2,28.metri

Fotogallery: Fisker Alaska

Con il portellone centrale abbassato e il portellone del bagagliaio aperto, la lunghezza del cassone arriva infine a 2,93 metri. I clienti potranno anche ripiegare i sedili posteriori e ricavare ulteriore spazio. In questo senso, l'attenzione di Fisker per l'estrazione del massimo spazio con trucchi bizzarri come il bagagliaio Houdini è notevole.

Il prezzo della Fisker Alaska sarà di 45.400 dollari prima degli incentivi (sono circa 40.000 euro). La versione di serie è prevista per dicembre 2024. Per tutte le informazioni riguardo al mezzo rimandiamo all'articolo di OmniFurgone.

Fisker Ocean Force E

Il marchio statunitense ha anche presentato una particolare versione della Ocean pensata per l'offroad e l'avventura, chiamata Force E. È arrivata sul palco durante l'evento in una particolare colorazione nera opaca, con robusti pneumatici off-road da 33 pollici su cerchi da 21 pollici, parafanghi extra larghi e un massiccio portapacchi sul tetto. La Ocean Force E ha un pacchetto aggiuntivo che chiunque, anche coloro che hanno già acquistato la Ocean, possono chiedere.

Fotogallery: Fisker Ocean Force E

Aspetto a parte, la versione Force E è equipaggiata anche con assetto dedicato con maggiore altezza da terra, piastre protettive per il sottoscocca. Il pacchetto sarà disponibile nel primo trimestre del 2024 e i prezzi saranno resi noti più avanti.

Supercomputer Blade

Oltre alla nuova gamma di modelli elettrici, Fisker ha sfruttato l'occasione del Product Vision Day 2023 per presentare il suo supercomputer Blade. Il supercomputer ha l'aspetto di una scatola minuscola, ma ha una capacità di calcolo pazzesca, pari a 6,2 teraflop. Come riferimento, un teraflop può fornire un trilione di operazioni in virgola mobile al secondo.

Il Blade è aggiornabile e supporta diverse funzioni come il 5G, il Wifi e l'Ethernet multi-gigabit. Fisker, che lo farà debuttare con la Pear, dice che sarà un mini centro dati su ruote capace di creare rendering grafici di alta qualità e di usare l'intelligenza artificiale per "prevedere i guasti prima che si verifichino".

Fisker è ancora un marchio nuovo e non ha ancora mantenuto le promesse di produzione per l'Ocean, il suo primo BEV. Il marchio ha mancato gli obiettivi di produzione sia per il primo che per il secondo trimestre del 2023, mentre le perdite operative continuano a crescere. Con tre nuovi veicoli elettrici all'orizzonte le opportunità di guadagno ci sono. Per l'azienda sarà probabilmente un compito in salita aumentare la produzione e trasformare i nuovi prodotti in realtà.