Renault ha preso una direzione precisa per la sua nuova gamma di auto elettriche. La Casa francese ha infatti deciso di puntare su un look retrò, che rimandi direttamente alle vetture più famose del suo passato.

A dirlo è stato il capo del design Laurens van den Acker in un'intervista rilasciata alla testata britannica Autocar. "Con nuovi veicoli elettrici come la Renault 4 e la Renault 5 all'orizzonte - ha spiegato - l'amministratore delegato Luca de Meo ritiene che reinventare il design classico sia irresistibile. De Meo, non per niente, fu tra gli artefici della Fiat 500 del 2007, che proprio sull'aspetto ha basato buona parte del suo successo". 

Non si deve essere moderni a tutti i costi

Laurens van den Acker ha detto: "Penso che ci sia questa specie di accordo non detto per cui le auto elettriche attuali devono presentarsi con uno stile molto fluido, un po' anonimo e abbastanza freddo. La mia speranza è che in futuro ci sia più varietà. In questo senso, noi stiamo facendo del nostro meglio".

Il designer faceva sicuramente riferimento alle imminenti Renault 5 e Renault 4. Entrambe le auto riprendono sin dal nome due modelli iconici e li reinterpretano in chiave moderna (ognuna con una propria impostazione) e a zero emissioni.

"Non è l'unico modo che abbiamo di fare auto elettriche - ha poi aggiunto -. Basta vedere la Megane o la Scenic: sono molto moderne e proiettate al futuro". In effetti, per quanto anche in questo caso Renault abbia deciso di mantenere nomi che hanno fatto la storia della Casa (e non solo), in questi due casi l'approccio stilistico è stato completamente differente. 

Fotogallery: Renault 4ever Trophy (2022)

Un evidente cambio di rotta

Ironia della sorte, quando van den Aker fu assunto in Renault (era il 2009, dopo anni in Ford e Mazda) gli fu chiesto quando avrebbe disegnato una Alpine o una Renault 4 e lui rispose "Sono stato assunto per progettare il futuro, non per progettare il passato".

Oggi, ripensando a quel momento, spiega: "Quella risposta fa sorridere, ma penso che in questo momento in cui ci sono così tante incognite che incombono sul mondo dell'automobile, progettare alcune auto che rimandano a un passato più radioso e rassicurante sia la mossa giusta. Servono ancora emozioni per vendere e per rendere vivo un marchio".

Anche Volkswagen la pensa così

Renault non è l'unica ad aver capito che questa potrebbe essere la strada giusta da seguire. Volkswagen, per esempio, ha realizzato una serie di modelli elettrici (quelli della famiglia ID) cercando di costruire un nuovo family feeling. Ma di quella serie di vetture fa parte anche la ID.Buzz, che ricorda senza ombra di dubbio il mitico Bulli

In tempi più recenti, inoltre, la Casa di Wolfsburg ha mostrato la ID.2all, concept che anticipa la prossima generazione di auto a zero emissioni e che ricorda molto da vicino l'attuale Polo. 

Fotogallery: Renault 5 concept