La Fiat 500e avrà un nuova batteria a basso costo entro 18-24 mesi. A dirlo è stato Carlos Tavares, CEO di Stellantis. "I nostri ingegneri hanno trovato una soluzione molto intelligente per aumentare significativamente l'autonomia della 500e riducendo significativamente i costi", ha spiegato.

Per ora non ci sono maggiori dettagli. Secondo il Corriere della Sera la batteria sarà sviluppata in Cina e assemblata in Italia, presso lo stabilimento Mirafiori a Torino, dove l’attuale pacco batterie dell’auto arriva completamente assemblato dalla Corea del Sud.

Obiettivo: vendere di più

La Fiat 500e è attualmente equipaggiata con un pacco batteria agli ioni di litio da 24 o 42 kilowattora, con un'autonomia di 190 o 320 km, rispettivamente, nel ciclo di prova WLTP. Il nuovo pacco batterie, che dovrebbe riorganizzare la linea di produzione a Mirafiori, dovrebbe aumentarne l'autonomia e abbassarne il prezzo ai clienti con l'obiettivo di aumentarne le vendite.

Secondo il sindacato FIM CISL la produzione della 500e ha raggiunto il picco nel 2022 con 77.500 esemplari. Lo scorso anno la produzione è scesa leggermente a 77.260 unità, ma la debole domanda ha costretto a un profondo taglio della produzione nel primo trimestre di quest'anno (-51%, a 11.360) ed è stato tagliato un turno di produzione.

Un aiuto da incentivi e USA

Secondo Tavares gli incentivi per le auto elettriche promessi dal governo, ma non ancora disponibili, dovrebbero aumentare le vendite della 500e fino a 20.000 unità all'anno.

Un'altra spinta alle consegne dovrebbe arrivare dagli Stati Uniti, dove la piccola italiana è appena sbarcata. Le unità vendute da gennaio a marzo 2024 in questo mercato sono state appena 41, ma con la nuova batteria potrebbero aumentare anche dall'altra parte dell'Oceano. Continuate a seguirci per restare informati.

Fotogallery: Fiat 500 elettrica: come nasce a Mirafiori