Quanto attendevano gli italiani gli incentivi auto elettriche 2024? Tanto? A guardare come è andata la prima giornata vien da dire: tantissimo. In meno di 9 ore - la piattaforma di prenotazione ha aperto alle 10:00 di oggi - i fondi messi a disposizione per l'acquisto di auto nuove con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 20 g/km sono terminati.

Sul sito ufficiale dell'ecobonus troneggia il pallino rosso con sotto la cifra rimanente: 1.172 euro. Una briciola minuscola se confrontata sui circa 240milioni di euro di partenza. Stop alle vendite di auto elettriche con incentivi dunque? Forse no.

Ci sono ancora soldi?

In una nota l'Unrae, per bocca del suo presidente Michele Crisci, mette in dubbio i versamenti da parte del Governo:

“Scopriamo inoltre con sorpresa il giorno dell’apertura della piattaforma che non sono stati resi disponibili tutti i fondi previsti per le autovetture: mancano ben 178,3 milioni. Per farlo sarà adesso necessaria l’emanazione di un DPCM apposito, che auspichiamo avvenga nel più breve tempo possibile, per evitare l’ennesimo periodo di incertezza che si prospetta per il mercato”.

Secondo l'Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri quindi l'Esecutivo avrebbe tenuto in cassa parte del budget messo a disposizione per gli incentivi auto elettriche 2024, creandosi un problema: ora per sbloccarli ci vorrà un nuovo iter burocratico che allungherà ulteriormente i tempi.

"L’Unrae da un lato esprime soddisfazione per l’accoglimento della maggior parte delle richieste portate all’attenzione del Governo, come l’innalzamento degli incentivi unitari e l’inclusione delle persone giuridiche con bonus ad importo pieno. Dall’altro lato manifesta forti preoccupazioni per le distorsioni che si potranno generare sul mercato. Inoltre, auspica che venga indicata presto una strategia chiara sui supporti alla transizione, con un orizzonte di 2-3 anni, per consentire a consumatori e imprese di programmare gli acquisti ed evitare che lo stop & go crei ulteriori danni al mercato”

Incentivi auto elettriche 2024, il sito dell'ecobonus