Se l'elettrico spaventa, il B-SUV del Leone, con il suo approccio "tradizionale", può essere una scelta valida. Vediamo perchè

Il mercato negli ultimi anni ha parlato chiaro: alla gente piacciono i SUV, soprattutto se compatti fuori e spaziosi dentro. Peugeot con la 2008 ha proposto un modello moderno e accattivante, frutto di una profonda ricerca anche in termini stilistici.

E visti i tempi, non poteva che trasformarlo in elettrico. La piattaforma in fondo lo consente, è la variante elettrica della CMP su cui possono nascere con poche modifiche sia modelli endotermici sia modelli elettrici. Sulla e-2008 era già pronto anche il powertrain: anche qui, è bastato attingere dalla e-208.

Pregi e difetti

Ci Piace Non Ci Piace
+ Stile - Infotainment tradizionale
+ Dinamica di guida  - Pianificazione EV relativa
+ Consumi - Clima Touch
+ Abitabilità posteriore  - OTA parziale
+ ADAS  

Verdetto

8.0 / 10
2020 Peugeot e-2008
2020 Peugeot e-2008

Esterni ed interni

Ad un primo sguardo è praticamente impossibile distinguerla dalla sorella ad alimentazione tradizionale. La e-2008 mantiene le stesse dimensioni e lo stesso look delle altre motorizzazioni a listino. La bilancia però, segna un +300 kg, causa battere, che portano la massa complessiva a vuoto a 1.548 kg.

Numeri a parte, la e-2008 introduce un frontale in cui spiccano la mascherina verticale con trama a mattoncini cromati e gli artigli luminosi delle luci diurne, segno distintivo delle Peugeot attualmente in vendita. Il cofano piatto e attraversato da due nervature dona carattere, così come le superfici della fiancata che si intersecano in modo netto. Dietro, un altro motivo di stile tipico della Casa del Leone, le luci a tre moduli inserite in una fascia nera che si estende sotto il lunotto per tutta la larghezza della vettura.

2020 Peugeot e-2008

Salendo a bordo lo spazio non manca. Anche per i bagagli si è ricavato un vano che resta tra i migliori della categoria. Ha una capienza di 405 litri, circa 30 in meno delle 2008 diesel e benzina a causa sempre della presenza delle batterie, che occupano buona parte della zona bassa della scocca.

Per il resto, dal posto guida sembra di trovarsi quasi su una vettura arrivata dal futuro. L’ambiente è fortemente proiettato al futuro grazie alla presenza dell’i-Cockpit 3D.

Batteria e autonomia

Lo schema propulsivo della Peugeot e-2008 è noto. L’auto monta una batteria da 50 kWh posta sotto il pianale che alimenta un motore elettrico anteriore da 100 kW-136 CV di potenza e 260 Nm di coppia. La batteria, che è garantita per 8 anni o 160.000 km per una capacità residua minima del 70%, promette un’autonomia di 320 km (WLTP).

Ricarica

L’auto può essere ricaricata sia a corrente alternata sia a corrente continua. Attaccata ad una presa domestica impiega circa 16 ore a riportare da 0 al 100% la batteria. Attraverso una wallbox monofase da 7,4 kW i tempi si riducono a 8 ore mentre con una wallbox trifase a 11 kW si arriva a 5 ore e 15 minuti.

Se la si attacca ad una colonnina rapida si può raggiungere una velocità di ricarica di 100 kW e allora in soli 30 minuti si riporta la batteria da 0 a 80%.

Come va e quanto consuma

Su strada, la potenza e la coppia elettrica si avvertono fin da subito: l’elettrico da questo punto di vista non tradisce. Lo scatto è pronto, la ripresa progressiva e costante, i ritardi di risposta azzerati. L’auto è anche molto facile da guidare, l’acceleratore è gestibile e passando da un driving mode all’altro la percezione è che l’auto cambi ma non si stravolga.

Sulla e-2008 sono due anche i livelli di rigenerazione dell’energia, selezionabili attraverso il cambio. Anche in questo caso le differenze si avvertono ma anche con il programma che massimizza il recupero dell’energia in frenata non si ha una coppia negativa di altre vetture a zero emissioni che si guidano con un solo piede.

2020 Peugeot e-2008

Dinamicamente l’auto è molto convincente. Il peso non si avverte e l’angolo di sterzata permette manovre veloci e immediate. Questa francesina a baricentro rialzato si districa proprio bene anche negli spazi cittadini più angusti. Anche il rollio è contenuto e questo, abbinato ad un baricentro basso grazie alle batterie, garantisce una dinamica di guida sempre appagante.

La mole e le dimensioni potrebbero far pensare il contrario, ma a ben vedere la e-2008 consuma il giusto. Il suo ambiente preferito rimane la città, dove ha fatto registrare valori di 15,15 kWh per 100 km. Nel ciclo extraurbano si è arrivati a 17,24 kWh per 100 km mentre in autostrada si è toccato quota 18,8 kWh/100 km.

Listino prezzi

La versione GT della e-2008 costa 44.000 euro. A questi, vanno aggiunti 800 euro per la tinta Blu, 200 euro per gli airbag posteriori laterali, 100 euro per i cerchi in lega da 18’’ pollici, 150 euro per la ricarica wireless e 650 euro per il tetto panoramico. L’esemplare in prova arriva a 45.900 euro.

A listino però la e-2008 è disponibile in 4 allestimenti: Active, Allure, GT Line e (appunto GT), con prezzo di partenza rispettivamente da 38.050, 39.450 e 41.650 euro

Fotogallery: Peugeot e-2008