Quando si parla di un SUV elettrico, spesso si parla di un modello che arriva sul mercato per porsi come alternativa alla Tesla Model Y. A volte la definizione è un po’ forzata, frutto del fatto che la Model Y, in qualità di auto più venduta al mondo, è per forza di cose un punto di riferimento. Non per questo, ha caratteristiche comuni a tutte le altre elettriche a ruote alte in commercio.

Quando si parla della Xpeng G6, però, il paragone calza a pennello. Il SUV cinese, per dimensioni, aspetto, prestazioni, impostazione generale, ha più di un punto in comune con la best seller di Elon Musk. Ciò detto, perché a noi interessa questa G6? Semplice, perché presto debutterà sul nostro mercato. Quindi conosciamola meglio.

Xpeng G6: piattaforma e dimensioni

È un SUV che potrebbe impensierire la Tesla Model Y, si diceva. In effetti, almeno per quanto riguarda le dimensioni, le due auto sono a dir poco simili. La cinese tocca i 4,75 metri di lunghezza (esattamente come il SUV di Elon Musk e soci). E anche per quanto riguarda il passo e la larghezza, la G6 è identica alla Model Y. Cambia, di poco, l’altezza, con la Xpeng che è 3 centimetri più alta. Le due auto sono paragonabili anche nello stile, con forme affusolate e linee pulite per entrambe.

Xpeng G6 (2024) nel test

Xpeng G6 (2024) nel test

La Xpeng G6 adotta la piattaforma SEPA2.0, pensata esclusivamente per auto elettriche. Ha debuttato sul mercato con l’ammiraglia G9 e offre un’architettura a 800 volt, come la piattaforma su cui nascono le elettriche di ultima generazione di Hyundai-Kia o quella PPE adottata da Porsche e da Audi per alcuni loro modelli a zero emissioni.

  • Lunghezza: 4,75 metri
  • Larghezza: 1,92 metri
  • Altezza: 1,65 metri
  • Passo: 2,89 metri
  • Peso: 2.195 kg

Xpeng G6: spazio a bordo

Anche dentro, la Xpeng G6 ricorda la Model Y. Non la copia, ma ne ricalca l’impostazione generale fatta di linee semplici e abitacolo minimalista. Questa soluzione stilistica, unita alle dimensioni generose, consente di avere tanto spazio a bordo per tutti gli occupanti, anche quelli che siedono in seconda fila.

Xpeng G6 (2024) nel test

Xpeng G6 (2024) nel test

La piattaforma only-electric offre vantaggi in termini di centimetri a disposizione anche a livello del bagagliaio. Il vano posteriore ha un volume di carico di 571 litri che diventano 1.374 se si abbattono i sedili (con schienale sdoppiato 60:40). Sulla G6 c’è anche un comodo funk anteriore da 71 litri che consente di riporre in modo ordinato cavi di ricarica, zaini e buste che altrimenti potrebbero essere sballottati da una parte all’altra del bagagliaio. Però non è presente su tutte le versioni.

  • Bagagliaio: 571/1.374 litri
  • Frunk: 71 litri
Xpeng G6 (2024): il G6 non ha un Frunk, sebbene sia basato su una piattaforma dedicata per auto elettriche

Xpeng G6: software

Moderna per definizione, la Xpeng G6 ha anche dei dispositivi di assistenza alla guida e un sistema di infotainment di ultima generazione. Quest’ultimo è comandato da un touchscreen centrale con diagonale da 14,96 pollici posto a sbalzo al centro della plancia.

Fa coppia con un secondo display, posto dietro al volante, che con i suoi 10,2 pollici di diagonale riporta tutte le informazioni relative alla marcia. Il software della Xpeng G6 è compatibile con gli aggiornamenti over-the-air che vengono rilasciati periodicamente dalla Casa per consentire anche alle vetture che già circolano in strada di restare al passo con i tempi in tema di infotelematica e ADAS. Il software, al momento, non interviene sul powertrain, che è invece una delle prerogative di Tesla.

Xpeng G6 (2024) nel test

Xpeng G6: batteria e autonomia

La Xpeng G6, al momento, è disponibile con due tagli di batteria. Si possono scegliere la versione con accumulatore al litio ferro fosfato da 66 kWh o la versione con accumulatore agli ioni di litio con chimica tradizionale (NMC). In questo caso la capacità netta è di 87,5 kWh.

In base alla batteria scelta, cambia naturalmente l’autonomia. La Xpeng G6 con batteria LFP promette di percorrere 435 km con una sola ricarica, la Xpeng G6 con batterie NMC invece arriva a 570 km. In entrambi i casi, i valori riportati sono quelli ottenuti seguendo il ciclo di omologazione WLTP.

Versione Batteria Autonomia
Xpeng G6 Standard Range 66 kWh 435 km
Xpeng G6 Long Range 87,5 kWh 570 km

Xpeng G6: ricarica

La piattaforma a 800 volt offre vantaggi in termini di velocità di ricarica. In corrente continua la batteria più grande può ricevere elettricità fino a 280 kW di potenza, mentre la batteria più piccola, causa della diversa chimica, si ferma a un valore (ottimo, a dire il vero) di 215 kW. Nel caso migliore, per passare dal 10% all’80% servono meno di 20 minuti. Nel caso peggiore si deve mettere in conto almeno mezz’ora. La Xpeng G6 dispone di un caricatore di bordo da 11 kW che consente di ricarica anche in corrente alternata.

  • Xpeng G6 con batteria LFP: ricarica in CC fino a 215 kW
  • Xpeng G6 con batteria NMC: ricarica in CC fino a 280 kW

Xpeng G6: prezzi

Prezzi e gamma per l’Italia non sono ancora stati resi noti. Arriveranno presumibilmente durante l’estate, visto che il lancio commerciale sul nostro mercato è previsto per l’autunno. Però, guardando cosa accade altrove, si possono fare delle ipotesi. Si stima che il prezzo di partenza possa aggirarsi intorno ai 42.000 euro; eventualmente si aggiudicherebbe gli incentivi, qualora venissero rifinanziati.

Per quanto riguarda la gamma, la Xpeng G6 sarà disponibile in tre versioni: Standard Range, Long Range e Long Range AWD Performance. Le prime due sono a trazione posteriore, la terza ha 4 ruote motrici. La Standard Range, con batteria LFP, ha 258 CV e 440 Nm; la Long Range, con batteria NMC, ha 286 CV e 440 Nm; la Long Range AWD Performance arriva a 476 CV e 660 Nm (con uno scatto da 0 a 100 in 4”1)

Fotogallery: Xpeng G6 (2024)