L'americana Infinitum Electric lancia un motore elettrico ultra-compatto e promette più efficienza e un peso ridotto del 90%

Per essenziale ed efficiente che sia, il motore elettrico ha ancora ampi margini di miglioramento: diverse aziende infatti stanno lavorando per ottimizzare i componenti, rendendolo sempre più leggero, compatto e riducendo l'impiego di metalli. L'ultima novità la annuncia l'americana Infinitum Electric, che ha trasformato il classico statore in un circuito stampato. Una soluzione che oltre a far risparmiare massa e ingombri promette di abbattere l’utilizzo di rame e ferro.

Lo statore diventa un circuito

Il CEO di Infinitum Ben Schuler ha spiegato come viene creato e qual è la tecnologia che si nasconde dietro alla progettazione di questo statore ultrasottile: “In pratica abbiamo eliminato tutti gli avvolgimenti esterni in ferro e rame presenti nello statore. Il circuito di rame è integrato in un unico circuito stampato. Così possiamo ridurre le dispersioni di energia associate al nucleo"

In aggiunta, lo statore a circuito stampato permette di installare tutti i sensori sullo stesso pezzo mentre in un motore elettrico tradizionale bisogna installarli separatamente: "Lo statore, che contiene l'intera bobina, diventa più efficiente e più durevole, grazie ad un coefficiente di dilatazione termica che rimane omogeneo in tutti i punti”.

Infinitum Electric With a Printed Circuit Board Stator Promises A Revolution

I vantaggi di questo motore

Oltre alla riduzione del 90% del peso rispetto ad un motore simile, l’unità elettrica proposta dalla Casa americana è in grado di eliminare l’ondulazione di coppia, riducendo al minimo il rumore durante l’utilizzo, e di isolare al massimo i conduttori di rame proteggendoli da eventuali guasti.

Infinitum Electric With a Printed Circuit Board Stator Promises A Revolution

Per quanto riguarda l’efficienza Schuler ha dichiarato: “È difficile fornire il numero corretto perché l'intervallo di efficienza dipende dalle dimensioni del motore. Quello che posso dire è che siamo fino al 10% più efficienti rispetto ai motori equivalenti. Per quelli che raggiungevano già il 95% siamo comunque riusciti a guadagnare ancora l'1-2% in più”.

Infinitum Electric With a Printed Circuit Board Stator Promises A Revolution

Le prime consegne entro giugno

Il CEO di Infinitum ha affermato anche che grazie all'investimento da 12,5 milioni di dollari annunciato il 5 dicembre la produzione nel nuovo impianto di Austin, in Texas, sarà avviata abbastanza rapidamente da permettere di iniziare le consegne a giugno 2020.

Già diverse Case automobilistiche si sono interessate a questo nuovo motore anche se per ora la lista è top secret: “Anche se non posso condividere i loro nomi, siamo in contatto con alcune Case per trovare le migliori applicazioni nel settore dei veicoli elettrici qualunque sia la natura del powertrain utilizzato. Dall'ibrido all'elettrico, fino ai motori per i servizi di bordo".
 
 
 
 

Fotogallery: Infinitum Electric With a Printed Circuit Board Stator Promises A Revolution