Secondo un report dall'Università di Toronto ciascun veicolo zero emission porta con sé un beneficio sociale di 9.000 €: vediamo perché

Quando si parla di auto elettriche c’è una domanda ricorrente: che benefici reali danno in termini di impatto ambientale rispetto alle vetture ad alimentazione tradizionale? In passato abbiamo visto il tool comparatore per la CO2 di Transport & Environment, mentre ora uno studio canadese analizza i vantaggi reali della mobilità elettrica ipotizzando diversi scenari possibili nell’area metropolitana che si sviluppa tra Toronto e Hamilton, lungo la costa nord occidentale del lago Ontario.

L’associazione per la Salute Pubblica dell’Ontario e l’ente in difesa dell’Ambiente della regione hanno scoperto così che all’aumentare della diffusione di veicoli green non si hanno solo benefici in termini di riduzione di CO2, ma si allunga anche la vita delle persone e si risparmiano soldi pubblici per spese mediche.

I benefici della sostenibilità

Secondo lo studio, realizzato in collaborazione con l’Università di Toronto e il gruppo di monitoraggio della Qualità dell’Aria, ha dimostrato come una maggior percentuale di auto elettriche e di camion di nuova generazione potrebbe contribuire a diminuire le morti e le malattie legate all’inquinamento.

E lo studio tiene conto di molti fattori, incluso ad esempio il maggior consumo energetico reso necessario per la ricarica dei veicoli. Ecco di seguito i 5 scenari ipotizzati:

  • 20% di auto private elettriche: 63 morti premature in meno e un risparmio di 0,5 miliardi di dollari
  • 100% di trasporto pubblico elettrico: 143 morti premature in meno e un risparmio di 1,1 miliardi di dollari
  • 50% di auto private elettriche: 157 morti premature in meno e un risparmio di 1,2 miliardi di dollari
  • 100% di camion di ultima generazione: 275 morti premature in meno e un risparmio di 2,1 miliardi di dollari
  • 100% di auto private elettriche: 313 morti premature in meno e un risparmio di 2,4 miliardi di dollari

La CO2 in meno

Guardando ai numeri dello studio, si scopre anche che ad ogni veicolo elettrico acquistato corrispondono benefici alla società quantificabili in 10.000 dollari. Non solo: tornando a considerare i benefici sulla salute, considerando che nell’area metropolitana tra Toronto e Hamilton si calcola che circa 3.000 decessi all’anno siano causati dall’inquinamento, il passaggio alla mobilità elettrica ridurrebbe quelle morti del 10,4%.

In termini di emissioni di CO2, si è calcolato che un passaggio ad una mobilità interamente elettrica permetterebbe di passare dalle 34.340 tonnellate giornaliere odierne a 10.795 tonnellate, con un risparmio del 68,56%.

La diffusione dell'elettrico riduce il numero di morti premature

Uno schema per ogni città

L’analisi canadese si è concentrata su un’area densamente popolata particolare, ma è replicabile, con risultati analoghi, ad ogni grande città occidentale.

“Questo progetto – ha dichiarato Marianne Hatzopoulou, professoressa dell’Università di Toronto – analizza le varie politiche sulla mobilità mostrando l’impatto che hanno in termini economici e di benessere delle popolazioni coinvolte. Spero che i governi, partendo proprio da quanto dimostrato, comprendano i benefici derivanti da una mobilità più ecosostenibile e mettano in campo risorse e investimenti per accelerarne la diffusione”.

Proprio in questi giorni abbiamo visto accendersi in Italia il dibattito sugli incentivi auto, con prospettive nell'immediato meno "spinte" rispetto a Germania e Francia sull'elettrificazione.