Il contributo del Comune, fino a 9.600 euro, sarà cumulabile all'incentivo statale del decreto Rilancio: un maxi-bonus mai visto prima

Il Comune di Milano ha pubblicato il bando per accedere agli incentivi locali fino a 9.600 euro per l’acquisto di una nuova auto a basso impatto ambientale.

Per sostenere l’iniziativa ha stanziato complessivamente un milione di euro, una cifra decisamente contenuta che costringerà a una vera e propria corsa per assicurarsi l'agevolazione. Gli incentivi locali sono cumulabili con quelli statali, che potranno arrivare fino a 10.000 euro grazie alle novità introdotte nel decreto Rilancio. E per sapere come sfruttare al meglio gli incentivi trovi qui il listino di tutte le auto elettriche "incentivabili".

I requisiti

Gli incentivi sono destinati ai residenti di Milano che abbiamo compiuto 18 anni. A differenza di quanto accadeva in passato, il Comune ha deciso di non escludere nessuno e ha eliminato la condizione per cui era necessario avere un ISEE al di sotto di certi valori. Ecco quindi i requisiti richiesti:

  • Essere cittadini residenti nel comune di Milano
  • Essere maggiorenni

Per l’acquisto di un’auto elettrica il contributo comunale sarà pari a 9.600 euro. Se si punta su un’auto ibrida, invece, si potrà richiedere un bonus di 6.000 euro. Più in basso ci sono anche le informazioni per le auto termiche.

Copertina Blocco del traffico, Milano dice no alle deroghe ai poveri

I contributi

Gli incentivi del Comune di Milano sono disponibili a partire da oggi 6 luglio e saranno attivi fino all’esaurimento dei fondi, ma comunque non oltre il 30 novembre 2020. Possono farne richiesta tutti coloro che abbiano acquistato un’auto a partire dallo scorso 4 maggio.

Il contributo sarà erogato una sola volta, per l’acquisto di un solo veicolo, a tutti i privati cittadini, mentre per le aziende il limite delle domande è fissato a 5. Per accedere all’incentivo i privati dovranno presentare contestualmente la rottamazione di un veicolo benzina (fino a Euro 2 incluso) o Diesel (fino a Euro 5 incluso). Agevolazioni sono previste anche per le auto con motore termico.

Tipologia auto Contributo massimo Importo del contributo Obbligo rottamazione
Auto elettrica 9.600 euro 60% costo auto SI
Auto ibrida 6.000 euro 60% costo auto SI
Auto metano o benzina/metano 5.000 euro 50% costo auto SI
Auto GPL o benzina/GPL 5.000 euro 50% costo auto SI
Auto benzina Euro 6 4.000 euro 50% costo auto SI
Moto/scooter elettrici 3.000 euro 55% costo SI o non possedere veicolo da 4 mesi
Moto/scooter elettrici 1.800 euro 40% costo NO
Bici elettrica/pedalata assistita 1.500 euro 60% costo NO

Maxi sconto di 19.600 euro

Poniamo il caso, quindi, che abbiate la possibilità di rottamare un'auto con più di dieci anni di vita e che puntiate su un'elettrica pura. Se abitate a Milano potete godere di una riduzione sul prezzo di listino da far drizzare i capelli: 19.600 euro. Facciamo qualche esempio prendendo le auto più vendute del mercato.

Se volete spendere meno che per uno scooterone potete puntare sulle smart forfour o fortwo, o sul trio VW formato da e-up!. Seat Mii e Skoda citygo. Ma ci sono affaroni nel segmento delle citycar, con la Renault Zoe, o la 208 e la Corsa del gruppo PSA. Interessanti anche i prezzi di una Leaf o di una Kona, ma si può puntare anche ad una Tesla Model 3 a meno di 30.000 euro.

  • Tesla Model 3: da 49.500 a 29.900 euro
  • Renault Zoe: da 34.100 a 14.500 euro
  • smart fortwo: da 25.065 a 5.465 euro
  • Volkswagen up!: da 23.750 a 4.150 euro
  • Peugeot e-2008: da 38.350 a 18.750 euro
  • Peugeot e-208: 33.600 a 14.000 euro
  • Opel Corsa-e: 30.800 a 11.400 euro
  • Nissan Leaf: 35.300 a 15.700 euro
  • Hyundai Kona: da 43.300 a 23.700 euro
  • smart forfour: da 25.645 a 6.045 euro

Le altre agevolazioni

Il Comune di Milano eroga anche un contributo di 1.800 euro per l’acquisto di uno scooter elettrico e di 1.500 euro per bici o cargo-bike a pedalata assistita. Questo, senza obbligo di rottamazione. Con la rottamazione infatti il contributo per l’acquisto di uno scooter passa a 3.000 euro.

Per quanto riguarda le quattro ruote, come riassunto nella tabella in alto, oltre a ibride ed elettriche, anche le auto a gas (Gpl o metano) beneficiano di un bonus di 5.000 euro, mentre per le auto a benzina Euro 6 l’incentivo scende a 4.000 euro.

I contributi comunali sono estesi anche ad altre categorie di veicoli, dai furgoni agli autocarri fino ai pullman. Per la sostituzione di un furgone il contributo varia tra i 5.500 e i 18.000 euro, mentre per la sostituzione di un camion in tetto arriva a 21.000 euro.