Dal guru dell'automotive Sandy Munro l'opportunità per tutti di portarsi a casa l'incredibile report di 23.793 pagine costato 2 mln $

Se siete appassionati di auto elettriche (ma direi di auto in generale), questa offerta non ve la potete far scappare. Sandy Munro, guru delle certificazioni di qualità nell'automotive e non solo, ha messo in vendita a un prezzo a dir poco stracciato il suo interessantissimo report che analizza pezzo per pezzo una BMW i3.

La cosa bella è che questo report, realizzato nel 2014 ad un costo stratosferico di 2,1 milioni di dollari e inizialmente in vendita per 89.000 dollari, ora può essere acquistato, in versione digitale, per soli 10 dollari. Avete capito bene: l’equivalente di circa 9 euro.

Condividere la conoscenza

Sandy Munro, con un passato in Ford e un presente nella sua superprolifica Munro & Associates, ha smontato completamente una BMW i3 e ha analizzato e catalogato ogni singola componente redigendo un rapporto ultra approfondito di ben 23.793 pagine. Un lavoro monumentale che è costato una cifra enorme e che ora è in vendita ad un prezzo ridicolo. Ma perché?

Munro stesso ha spiegato che quando era giovane ha potuto acquistare da un collega che andava in pensione una cassetta degli attrezzi ad un prezzo irrisorio, che gli ha consentito di continuare a coltivare la propria passione.

Arrivato alla sua età, e con quanto ottenuto nella propria vita lavorativa, ha deciso di fare altrettanto, per aiutare a diffondere informazioni preziose che potranno ispirare i prossimi Elon Musk. E probabilmente alimentare con più cognizione di causa i crescenti dibattiti sulla "qualità" dei veicoli.

BMW i3_Munro report

Oltre 54.000 componenti

Il report è diviso in dieci capitoli, ognuno dedicato ad un aspetto dell’elettrica tedesca. Nello specifico si concentrano su carrozzeria, esterni, telaio, batteria, elettronica, impianto di raffreddamento, trasmissione e motore, certificazioni, interni e sedili.

Ci sono riportati più di 54.000 componenti e di ognuno sono riportati caratteristiche tecniche, i materiali adottati, il peso, le dimensioni, i sistemi di fissaggio e anche le società che li hanno prodotti e forniti a BMW.

Fotogallery: 2018 BMW i3s: First Drive

Un’analisi di profittabilità

Scavando su ogni componente, su metodi costruttivi e sull’architettura dei vari sistemi di cui l’auto è composta, Munro ha potuto valutare a fondo la qualità costruttiva della BMW i3, che ha giudicato un’auto "sorprendente quanto ingegnosa".

Munro, che ha dichiarato di aver apprezzato l’enorme lavoro svolto dai tecnici della Casa nella progettazione di un’auto così innovativa, ha paragonato la BMW i3 alla Ford Model T per quanto l’auto è uscita dagli schemi.

Inoltre, ha potuto anche stabilire i volumi produttivi necessari affinché il progetto generasse degli utili. Ebbene, ha scoperto che il punto di pareggio sarebbe stato raggiunto vendendo 20.000 i3 all’anno. Cosa che è regolarmente accaduta dal 2015 ad oggi. Nello specifico, ecco i dati di vendita del modello:

  • 2013: 311
  • 2014: 16.052
  • 2015: 24.057
  • 2016: 25.528
  • 2017: 31.482
  • 2018: 36.829
  • 2019: 39.501

Per chi fosse interessato al report è disponibile a questo link.