Le telecamere Tesla si sono rilevate utili in più di un’occasione. Con il sentry mode attivato, infatti, filmano e registrano quello che accade nei dintorni e possono fornire prove utili per ricostruire le dinamiche degli incidenti o scovare i responsabili di atti vandalici e crimini.

Però non sono apprezzate da chiunque. L’esercito cinese, ad esempio, ha chiesto ai proprietari di un’auto della Casa di Palo Alto di parcheggiare fuori dalle basi militari. La ragione ufficiale: il rischio di spionaggio. Si teme infatti che le vetture americane possano filmare aree sensibili durante la marcia o possano dare accesso a informazioni riguardanti il conducente, i suoi spostamenti e i suoi contatti telefonici.

Misure anti spionaggio

Lo stesso divieto di circolazione delle aree militari è stato allargato anche ai dipendenti di aziende statali e agenzie che svolgono attività sensibili. La decisione, secondo il Wall Street Journal, sarebbe stata presa a seguito di una serie di indagini sulla sicurezza delle vetture della Casa di Palo Alto.

tesla autopilot slide

Resta da capire se la decisione presa dalle autorità cinesi sarà operativa da subito o se entrerà in vigore in un secondo momento. Nessuno, né i portavoce governativi né i vertici di Tesla, ha voluto commentare la notizia.

Ci sono anche telecamere "nascoste"

Tra le telecamere “incriminate” ci sono anche quelle presenti negli specchietti retrovisori della Model 3 e della Model Y. Possono riprendere la parte posteriore dell’abitacolo ma sono disattivate da Tesla stessa e non possono essere al momento utilizzate.

“Sono state montate lì – ha spiegato Elon Musk – in previsione del fatto che in futuro quelle auto potrebbero svolgere un servizio analogo a quello di Uber e sarà quindi necessario filmare la seconda fila di sedili, in modo che il proprietario possa controllare cosa è accaduto realmente nel caso trovasse l’auto danneggiata. Non è da escludere, infatti, che un domani le Tesla possano essere utilizzate come servizio “robotaxi” in modo del tutto autonomo: senza conducente a bordo.