Sono numerosi gli studi che dimostrano come sul lungo periodo un'auto elettrica sia meno costosa di un'auto termica. Però stavolta ad affermarlo è il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti in persona, che ha finanziato una ricerca svolta da Argonne National Laboratory.

L'obiettivo era quello di analizzare nel dettaglio il total cost of ownership di auto e veicoli commerciali in base all'alimentazione e ha preso in considerazione mezzi dotati di normale powertrain endotermico, ibridi, ibridi plug-in, a idrogeno e chiaramente elettrici. 

Un'analisi completa

Le voci di spesa considerate dallo studio riguardavano il costo del veicolo al momento dell’acquisto, il tasso di deprezzamento del valore della vettura nel tempo, i costi del carburante, i costi assicurativi, i costi per la manutenzione e, infine, le tasse legate al possesso del veicolo.

  • Prezzo d'acquisto
  • Deprezzamento 
  • Costi del carburante
  • Costi dell'assicurazione
  • Costi della manutenzione
  • Tasse di possesso
I grafici dello studio sul Total Cost of Ownership finanziato dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti

Gli USA premiano l'ibrido

Sebbene al momento dell’acquisto un veicolo elettrico costi mediamente di più di un veicolo a benzina o a gasolio, lo studio del Dipartimento dell’Energia degli USA ha fatto emergere che, sul lungo termine, i costi totali di proprietà di un mezzo a zero emissioni diventano poi più bassi. Addirittura, per quanto riguarda la manutenzione, si può arrivare a spendere anche il 40% rispetto all’endotermico. 

La cosa più interessante che emerge da questa nuova ricerca, però, riguarda il fatto che - negli States almeno - le vetture più convenienti siano al momento le ibride. Questo perché sfruttano un costo d'acquisto minore rispetto alle elettriche e alle ibride plug-in. Inoltre, potendo percorrere alcuni tratti in modalità esclusivamente elettrica, contengono anche i costi del carburante, che negli Stati Uniti è minore rispetto alla media europea.

In futuro sarà l'elettrico

Lo studio, però, prevede anche che la situazione evolverà velocemente, con le elettriche pure che diventeranno le meno costose in assoluto non appena i prezzi delle batterie caleranno. Stando alle previsioni, anche le auto fuel cell diventeranno presto più convenienti. Con i prezzi dell'idrogeno in calo sono destinate i livelli di total cost of ownership delle vetture endotermiche.

A tal proposito, David Gohlke, analista ambientale ed energetico all’Argonne National Laboratory e coautore dello studio, ha dichiarato: “Non sappiamo quanto velocemente si abbasseranno questi costi, ma grazie alla tecnologia siamo sulla buona strada”. Intanto però, la stessa Tesla afferma che con la Model 3 ha già raggiunto la parità di costo di acquisto delle concorrenti a benzina.

Fotogallery: Lo studio del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti