Audi unisce le forze con RWE, azienda tedesca specializzata nella creazione di sistemi di stoccaggio dell’energia, per dare una seconda vita alle batterie provenienti dalle auto elettriche.

La collaborazione porterà alla nascita di un nuovo impianto di stoccaggio che sarà realizzato con gli accumulatori delle e-tron che non sono più utilizzabili sulle auto ma che hanno ancora una capacità residua superiore all’80%. Queste batterie, infatti, hanno ancora un periodo utile che può arrivare anche a 10 anni.

Un approccio globale

La mobilità a zero emissioni è l’obiettivo di lungo termine di Audi e stiamo lavorando duramente per raggiungere quanto ci siamo prefissati. Lanceremo oltre 20 modelli interamente elettrici entro il 2025 ed è chiaro che di fronte a una strategia del genere dobbiamo tenere conto di tanti aspetti inerenti l’elettrificazione che vanno oltre all’auto in senso stretto.

Ha spiegato così Oliver Hoffmann, a capo del dipartimento tecnico della Casa dei Quattro Anelli, la nascita della partnership con RWE.

Impiegare batterie provenienti dalle Audi e-tron che non circolano più per realizzare in sistemi di accumulo offre diversi vantaggi.

  • Aumenta il periodo utile di vita degli accumulatori
  • Permette di creare sistemi di accumulo a costi minori
  • Riduce la necessità di nuove materie prime
Audi e-tron S Sportback - Drive concept with three electric motors

A supporto della rete

Il sistema di accumulo che Audi e RWE hanno intenzione di costruire sorge nei pressi della città tedesca di Herdecke ed è realizzato in un’apposita sala di 160 metri quadri dove dal mese di ottobre hanno trovato posto 60 moduli dal peso complessivo di circa 700 kg. I singoli componenti del nuovo sistema sono già stati messi in funzione a fine 2021 ma l’energia a supporto della rete elettrica locale con il compito di mantenerla stabile sarà attiva solo tra qualche settimana.

“I sistemi di accumulo di energia giocano un ruolo fondamentale nella rivoluzione ecologica che stiamo vivendo – ha detto Roger Miesen, ceo di RWE – La nostra idea passa per strutture flessibili in grado di adattarsi alle fluttuazioni di breve termine tipiche delle fonti rinnovabili”. Questo progetto pilota permetterà ad Audi e RWE di maturare conoscenze che verranno applicate in futuro per la costruzione di sistemi di stoccaggio più grandi.

Fotogallery: Audi e-tron S Sportback