Il 2021 di Audi è stato un anno di trasformazione evidente, con il proprio portafogli auto che ha visto incrementare considerevolmente l'offerta a zero emissioni. Un'offerta variegata, che ha cercato di abbracciare diversi segmenti: dopo la e-tron GT e la e-tron GT RS arrivate ad inizio anno per cercare di soddisfare gli appassionati delle coupè di alta fascia ad alte prestazioni, da Ingolstadt è giunta la Q4 e-tron nella sua variante SUV e Sportback.

Un modello importante questo, considerando come fosse il primo a poggiare sulla nuova piattaforma MEB, sviluppata dal gruppo Volkswagen. Modelli giunti in seguito al primissimo prodotto elettrificato, l'Audi e-tron nelle sue varianti "tradizionale" e Sportback.

Questi, a ben vedere, sono però solo gli antefatti di un percorso che non finisce qui: nel prossimo lustro, Audi ha deciso di accelerare ulteriormente la propria transizione verso quel concetto di "mobilità premium sostenibile".

Piano di investimenti

La quota di investimento per i progetti futuri definita è di 37 miliardi di euro, di cui 18 destinati a progetti all'elettrificazione d all'ibridazione. L'obiettivo conclamato è quello di avere più di 20 modelli completamente elettrici entro il 2025.

A partire dal 2026 invece, la Casa tedesca lancerà solo nuovi modelli completamente elettrici sul mercato globale; al contempo abbandonerà la produzione dei suoi motori a combustione interna entro il 2023, proponendosi dunque di diventare un marchio completamente elettrico.

Fotogallery: Audi Q4 e-tron Sportback

Si investe anche sulla infrastruttura

E' evidente però che, oltre a quella che sarà la filiera automobilistica, Audi sta pensando anche a come espandere la sua offerta riguardante l'infrastruttura di ricarica. Un esempio? L'hub di ricarica Audi aperto appositamente per i clienti dei Quattro Anelli a Norimberga.

Un servizio di ricarica che - ovviamente - fa riferimento al consorzio Ionity, di cui Audi stessa è membro fondatore. Obiettivo? Entro il 2025, l'azienda si impegna ad aumentare il numero dei punti di ricarica da 350 kW dagli attuali 1500 stalli a circa 7000.

external_image