Comprereste un’auto senza motore (o batteria)? Per quanto possa sembrare una domanda assurda, in Cina esiste già una risposta. La Wuling Hongguang Mini EV, infatti, è la prima auto (elettrica) al mondo ad essere venduta senza sistema di propulsione. O meglio, in questo caso la batteria c’è, ma si paga a parte rispetto al prezzo fisso della vettura.

Un’idea commerciale davvero particolare che cerca di rilanciare una delle auto più popolari del Dragone che, però, negli ultimi tempi sta soffrendo la concorrenza di Chery e BYD.

Batteria a rate

Di recente, la Wuling ha ricevuto un importante taglio al listino, da circa 4.400 euro a 2.600 euro per il modello base. Il motivo? Con questa cifra si acquista solamente l’auto, mentre la batteria è in abbonamento.

Infatti, l’accumulatore LFP da 9,3 kWh (capace di garantire 120 km nel ciclo NEDC) si paga a rate di circa 27 euro al mese per 60 mesi. La quota cresce sensibilmente passando a 39, 47 e 74 euro per le versioni equipaggiate con batterie e motori più grandi. Ricordiamo che il top di gamma è la variante Gameboy con batteria LFP da 26,5 kWh e 300 km di autonomia per 41 CV e 110 Nm.

Wuling-Hongguang-Mini-EV-8

Wuling Hongguang Mini EV

Tra l’altro, questo modello è anche esteticamente più aggressivo rispetto alla versione di base, oltre ad essere più lungo di una decina di centimetri in virtù del kit carrozzeria più sportivo.

Facendo qualche rapido calcolo, dopo i 60 mesi la Wuling entry level costa in totale circa 260 euro in meno rispetto al prezzo “pieno” di 4.400 euro.

Come detto, la mossa del Costruttore cinese è un modo per tenere alte le vendite del suo modello più popolare che sta facendo i conti con una concorrenza sempre più spietata rappresentata dalla Chery QQ Ice Cream e dalla nuova BYD Seagull, con quest’ultima che debutterà nei prossimi mesi.

E se anche in Europa venisse introdotto un sistema di questo tipo? Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.

Fotogallery: Wuling Hong Guang Mini EV