Prezzi facili da confrontare, pagamenti contactless e molto, molto altro. Il Regno Unito si candida a diventare il paradiso della ricarica per auto elettriche. E lo fa con una serie di leggi approvate dal Parlamento di Londra.

“Nel tempo – commenta Jesse Norman, ministro della Tecnologia e della Decarbonizzazione –, queste normative miglioreranno i ‘pieni’ ai veicoli elettrici per milioni di automobilisti, aiutandoli a trovare i punti di ricarica che desiderano e fornendo trasparenza sui prezzi in modo che possano confrontare il costo delle diverse opzioni di ricarica e aggiornando i metodi di pagamento”.

Pos e non solo

Ma cosa prevedono di preciso le nuove regole? Prima di tutto, stabiliscono che i costi di rifornimento d’energia siano ben visibili e confrontabili fra loro. Poi, che le colonnine consentano il pagamento anche tramite Pos.

Electrical cars using public London chargers on pavement

Auto elettriche in carica a Londra

In più, gli operatori della ricarica dovranno rendere pubblici più dati possibili, per aiutare gli automobilisti a trovare colonnine “funzionanti” e che “soddisfino le loro esigenze” e a “controllare la velocità di ricarica”, come si legge nella nota diramata dal Governo londinese. Le nuove leggi prevedono anche la possibilità per gli automobilisti di contattare l’assistenza 7 giorni su 7 e 24 ore su 24.

Zero emissioni nel 2035

Il tutto si inserisce nel piano UK per azzerare la CO2 da veicoli entro il 2035, con una tappa intermedia che impone vendite di auto e furgoni a zero emissioni rispettivamente all’80% e al 70% entro il 2030.