Tesla ha appena fatto sapere che la produzione delle celle 4680 non rappresenta più un problema. La Casa ha dichiarato infatti che le sue celle cilindriche “XXL” sono in vantaggio rispetto alla produzione del Cybertruck (al momento l’unico modello che le usa).

Il Costruttore ha ormai più celle di quelle che servono per la produzione del famoso pick-up elettrico e gli esemplari stoccati nei magazzini sono in grado di soddisfare le richieste delle linee di montaggio del Cybertruck per settimane.

Da 1 a 5 linee di produzione entro l'anno

La produzione delle celle 4680 ha rappresentato un enorme problema per Tesla negli anni passati. La messa a punto di metodi costruttivi efficaci e in grado di raggiungere alti volumi è stata molto complessa, tanto che molti produttori di batterie hanno cercato di realizzare celle analoghe per diventare fornitori della Casa americana (riscontrando però gli stessi problemi).

Tesla 4680 batterie batterie e pacco

Tesla: una batteria cell to pack con celle 4680

Ora, invece, pare tutto risolto. Tesla, nella Gigafactory di Austin, ha una linea di produzione e assemblaggio delle 4680, ma secondo alcuni esperti del brand arriverà ad averne altre 4 entro il terzo trimestre del 2024. Oltre a questo, la Casa incrementerà anche le forniture esterne.

Tesla amplia anche la GigaNevada

Tesla ha fatto sapere che produrrà le celle 4680 anche in Nevada, nello storico stabilimento dedicato alle batterie che gestisce insieme a Panasonic. La fabbrica, che è sottoposta a lavori di ampliamento, ospiterà due nuove linee, una delle quali dedicata proprio alle 4680 e che potrebbe raggiungere addirittura i 100 GWh di capacità annua.

Tesla Giga Nevada (Tesla Gigafactory 1) - installazione solare

La Gigafactory Nevada e il suo enorme impianto fotovoltaico

Così facendo la Casa dovrebbe avere celle a sufficienza sia per il Cybertruck, la cui produzione è destinata a più che raddoppiare nel corso dell’anno, sia per il Tesla Semi, il camion elettrico che proprio per la carenza di 4680 ha subito consistenti ritardi nella commercializzazione.

In futuro, inoltre, le celle 4680 saranno adottate anche dalle auto. Quasi sicuramente la Model Y, che per un breve periodo le ha già montate, e forse anche il robotaxi e la Model 2, che dovrebbero arrivare a partire dalla metà del prossimo anno.

Fotogallery: Tesla Cybertruck