La Cina è il mercato EV più grande al mondo, con oltre 5 milioni di immatricolazioni di auto elettriche pure nel 2023, ma non è immune al rallentamento delle vendite a livello globale.

I numerosi produttori cinesi di veicoli elettrici, che in precedenza avevano registrato una crescita consistente, ora annunciano un calo delle vendite e dei ricavi. E' una delle conseguenze della guerra dei prezzi tra i produttori locali per contendersi acquirenti.

I conti di BYD

Il segmento dei veicoli elettrici in Cina sta ancora crescendo, ma a tassi inferiori rispetto al 2023. Il rapporto sugli utili trimestrali pubblicato da uno dei principali operatori cinesi di veicoli elettrici, BYD, lo ha reso evidente.

Il 2023 è stato un anno fantastico, che ha visto i suoi profitti netti aumentare di oltre l'80% rispetto all'anno precedente, e si è concluso con il sorpasso su Tesla per il numero totale di veicoli elettrici venduti nell'ultimo trimestre dell'anno.

Le proiezioni mostrano che BYD non se la caverà altrettanto bene nel 2024. L'azienda ha registrato un utile netto per il primo trimestre inferiore del 47% rispetto al quarto trimestre 2023. Ciò è dovuto alla vendita di quasi il 34% in meno di veicoli plug-in (EV e PHEV insieme) nel primo trimestre di quest'anno rispetto all'ultimo trimestre del 2023.

Tuttavia, anche se le vendite del Q1 2024 sono diminuite rispetto al Q4 2023, rispetto al Q1 2023 sono aumentate del 13,4%.

L'inizio lento dell'anno di BYD è stato attribuito ai festeggiamenti per il Capodanno cinese e ad altri fattori che hanno visto un minor numero di persone acquistare veicoli elettrici. Tuttavia, le vendite sono aumentate a marzo, quando sono stati venduti quasi 140.000 veicoli elettrici, e sono rimaste forti fino ad aprile. Nonostante il rallentamento e la crescente concorrenza locale, BYD ha comunque registrato un utile netto del 10,6% nel primo trimestre, mentre il fatturato è aumentato del 4%.

La guerra dei prezzi

BYD è stata detronizzata nel primo trimestre del 2024 da Tesla, che ha riconquistato il titolo di maggior venditore di veicoli elettrici al mondo. Tesla non è l'unico produttore ad abbassare aggressivamente i prezzi per attirare gli acquirenti; BYD ha abbassato il prezzo dei suoi modelli plug-in del 5-20% a febbraio per convincere gli acquirenti a non optare per un veicolo a combustione pura e per ridurre le offerte dei concorrenti.

Dopo che BYD ha annunciato la riduzione dei prezzi di molti dei suoi marchi, inaugurata da un calo del 20% del prezzo dell'ibrido plug-in Qin Plus DM-i, anche Tesla ha ridotto di oltre il 5% i prezzi delle Model 3 e Model Y di produzione cinese, seguita da un taglio del 5,7% da parte di Li Auto, che vende veicoli elettrificati premium.

Secondo un rapporto di Goldman Sachs citato dal South China Morning Post, la guerra dei prezzi potrebbe continuare fino alla fine del 2024, spingendo il segmento dei veicoli elettrici verso una redditività negativa.

Il rapporto afferma che a causa di un calo medio dei prezzi dei veicoli elettrici di 21.000 yuan (circa 2.900 dollari al cambio attuale) in tutto il settore (circa l'11% del loro valore in media), il profitto complessivo dei veicoli elettrici è sceso da 2.100 yuan (circa 290 dollari) a un valore negativo di 1.600 yuan (circa 220 dollari) dal luglio 2023.