In ritardo, ma torna il bonus wallbox e colonnine per case e condomini, che garantisce agli automobilisti un rimborso dell’80% sul prezzo delle infrastrutture di ricarica comprate fra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2024.

Dalle 12 dell’8 luglio è infatti attiva la piattaforma online dove depositare la domanda. Ricordiamo quindi con questa breve guida in cosa consiste la misura e come accedervi.

Bonus colonnine e wallbox private: cos’è?

Come accennato, il bonus wallbox e colonnine del 2024 consiste in uno sconto dell’80% su acquisto e installazione di infrastrutture per la ricarica privata dell’auto elettrica, con limiti di spesa di 1.500 e 8.000 euro per case e condomini, finanziato da 20 milioni di euro.

  • Sconto: 80%
  • Limiti di spesa: 1.500/8.000 € per case/condomini
  • Fondi: 20 milioni €

Bonus colonnine e wallbox private: per chi è?

Il Mimit spiega che l’incentivo è valido per wallbox e colonnine installate fra il 1° gennaio e il 31 dicembre del 2024.

  • Periodo d’acquisto: 1° gennaio-31 dicembre 2024

È perciò un rimborso che agisce retroattivamente sulle spese già sostenute, che comprendono:

  • acquisto e messa in opera delle infrastrutture di ricarica, comprese installazione delle colonnine, impianti elettrici, opere edili strettamente necessarie, impianti e dispositivi per il monitoraggio
  • spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi
  • costi per la connessione alla rete elettrica, tramite attivazione di un nuovo Pod (point of delivery)
Foto - Com'è fatta e come funziona una colonnina di ricarica

Fiat 500e in carica

Bonus colonnine e wallbox private: come fare domanda?

La domanda deve essere presentata in una propria Area Personale sulla piattaforma di Mimit e Invitalia. Per fare la richiesta servono un indirizzo di posta elettronica certificata (Pec) e l’accesso tramite Spid, carta d’identità elettronica (Cie) o carta nazionale dei servizi (Cns). Bisogna anche compilare un modulo (disponibile in fondo all’articolo) e allegare una serie di documenti indicati durante la compilazione.

  • Pec
  • Spid, Cie o Cns
  • Modulo
  • Altri documenti

Bonus wallbox e colonnine private: cos’altro sapere

Il bonus non è cumulabile con “altre agevolazioni di carattere nazionale, regionale o dell’Unione europea previste per la medesima spesa”. L’incentivo viene poi erogato entro 90 giorni dalla chiusura dello sportello. Nel caso di esaurimenti dei fondi, il contributo sarà distribuito seguendo l’ordine cronologico di presentazione della domanda.

È anche possibile che Invitalia faccia dei controlli a campione per verificare che tutto sia davvero in regola. Specifichiamo infine che le infrastrutture incentivate devono essere “nuove di fabbrica, di potenza standardrealizzate secondo la regola d’arte e dotate della dichiarazione di conformità”.

Se volete invece installare wallbox e colonnine in ufficio o aziende, potete leggere l’altra nostra guida.

Quanto costa una wallbox

Il prezzo di una wallbox varia in base a modello e potenza: si parte da circa 400 euro, ma per la fascia che interessa di più agli automobilisti, ovvero quella di 3-7 kW, si parla in media di 1.500 euro. Al tutto vanno sommati i costi di installazione. Entrambe le spese sono comunque coperte dal bonus. 

  • Prezzi delle wallbox: da 400 €; in media 1.500 €
Modulo relazione finale