Il premier visita gli stabilimenti FCA di Melfi in occasione dell'Assemblea Anfia: "Innovare per salvaguardare l'occupazione"

Il premier Giuseppe Conte non ha dubbi: il futuro dell'auto deve essere elettrico. Non solo però: secondo il presidente del Consiglio bisogna infatti iniziare a investire subito anche sull'idrogeno, perché in prospettiva la strada da seguire dovrà essere questa.

Conte ha parlato oggi dagli stabilimenti FCA di Melfi, a margine dell'assemblea dell'Anfia, l'associazione nazionale della filiera automobilistica.

Auto elettrica? Sì, ma non solo

"FCA ha annunciato la svolta nel full electric e questa è la strada del futuro", ha spiegato il premier commentando l'accelerazione del gruppo sulle auto a batteria, "adesso bisogna già lavorare anche per l'idrogeno, una tecnologia che oggi pare non ancora alla portata dei consumatori, ma che rappresenta in realtà una direzione da seguire".

Dopo aver ricordato il prossimo avvio della produzione a Melfi delle prime Jeep plug-in hybrid, Conte ha sottolineato che "come sapete io non vado solo a tagliare nastri, vado nei luoghi del nostro complesso industriale in cui si innova maggiormente e si prefigura la strada del futuro da condividere con tutti".

Jeep Compass, la linea di montaggio a Melfi

L'alleanza FCA-PSA e il ruolo dell'innovazione

Non è potuto mancare poi un passaggio del capo del Governo sulla fusione FCA-PSA, con il monito all'azienda di garantire non solo la continuità operativa e i posti di lavoro degli stabilimenti italiani, ma anche delle attività dell'indotto.

Infine, Conte ha sottolineato che "la migliore garanzia per assicurare il livello massimo di occupazione è innovare". "Ho suggerito anche alle delegazioni sindacali di offrire uno stimolo critico in questa direzione", ha concluso il premier.