Al momento sono solo voci, ma dalla Casa francese arrivano parole chiare sul futuro a zero emissioni della citycar

E se la prossima generazione di Peugeot 108 fosse elettrica? Il modello più piccolo della casa del Leone potrebbe effettivamente essere presto evoluto in un'auto a zero emissioni.

Jean-Philippe Imparato, vice presidente esecutivo di casa Peugeot, ha recentemente rivelato come la Casa continuerà a vendere la Peugeot 108 con motore endotermico, perché il volume è ancora sufficiente affinché non vi sia necessità di fermare la vendita in relazione al limite alle emissioni medie richiesto come standard dall'Unione Europea.

Linea comune

D'altro canto, lo stesso Tavares aveva - anche se in maniera schietta - dato il proprio pensiero ai mass media affermando come le auto elettriche, ad oggi, fossero un modello di vendita che si mantiene sugli incentivi.

"Abbiamo deciso alcune settimane fa di mantenere l'attuale line-up della 108. Perchè? Questa vettura ha un ragionevole successo in termini di vendita. In Inghilterra stiamo vendendo circa 6000 auto l'anno con motore endotermico. Se un giorno ci saranno ulteriori questioni in termini di Co2, cambieremo i nostri piani, ma per il momento no".

Sicuramente però, la declinazione che ne verrà, sarà evidentemente elettrica, come confermato dallo stesso Imparato:

"Se dovessimo cambiarla un giorno, non vedo alternative a una soluzione 100% elettrica"

L'accordo con Fiat punto di incontro

E' in questo caso che viene in aiuto l'accordo stabilito con FCA. A questo punto nulla vieterebbe nel futuro, di poter adattare la Fiat 500 elettrica nella sua versione Peugeot 108/Citroen C1. D'altro canto, terminato l'accordo che portò PSA e Toyota alla creazione delle tre gemelline 108-C1-Aygo, ora questa nuova fusione alla pari, potrebbe portare ad una convergenza del genere. E sarebbe, effettivamente coerente.