I tanto attesi incentivi della Regione Piemonte a sostegno della mobilità elettrica sono in arrivo. Domani 28 ottobre, dalle ore 09:00, i residenti e i dipendenti di aziende con sede nella regione potranno presentare la domanda di contributo all’acquisto di un’auto a zero emissioni e non solo.

Il bando infatti prevede un bonus anche per l’acquisto di ciclomotori, motociclette e altri mezzi a basso impatto ambientale.

Una somma limitata

La prima cosa che viene da pensare guardando alla somma stanziata per l’iniziativa è che conviene non perdere tempo. Sono 1.660.000 gli euro disponibili. Saranno divisi su quattro aree di intervento.

  • Da 2.500 a 10.000 euro in base alle emissioni per l’acquisto di veicoli per il trasporto di persone, a fronte di rottamazione di veicoli a benzina fino a Euro 3 incluso e diesel fino a Euro 5 incluso.
  • Da 2.000 a 4.000 euro per l’acquisto di ciclomotori o motocicli a trazione elettrica per il trasporto di persone, a fronte di rottamazione fino alla categoria Euro 3.
  • 150 euro per l’acquisto di biciclette; 1.000 euro per l’acquisto di biciclette cargo. In entrambi i casi anche a pedalata assistita.
  • 250 euro per la rottamazione di veicoli senza obbligo di acquisto di altro veicolo, benzina o diesel fino a Euro 3 incluso.
Auto elettriche a Torino, accesso ZTL, strisce blu e altre agevolazioni

Sono cumulabili

Come da tradizione, gli incentivi della Regione Piemonte, come gli altri contributi locali erogati da altri enti pubblici in passato, sono cumulabili con l’ecobonus statale.

Sono stati stanziati, come sottolinea l’assessore all’Ambiente Matteo Marnati, per “velocizzare il rinnovo del parco veicoli piemontese e per migliorare le emissioni in atmosfera”.

Come fare domanda

Per fare richiesta occorre essere in possesso dello Spid (il certificato di identità digitale) o di carta d’identità elettronica o di altro certificato digitale e compilare l’apposito modulo.

Le domande potranno essere presentate entro e non oltre il 30 aprile 2021, salvo chiusura anticipata del bando o sospensione dello stesso per esaurimento delle risorse assegnate.