Tutti i consigli del numero uno Tesla ai manager del futuro: "Bisogna stare sempre in prima linea e ascoltare i clienti"

Gira voce che Elon Musk lavori per slot di 5 minuti. Cioè, che per affrontare una questione specifica a lui bastino 300 secondi. Questo negli incontri vis-à-vis. E per quanto riguarda le riunioni di gruppo? Mr. Tesla non ha dubbi: i piani alti perdono troppo tempo in meeting poco produttivi e nella realizzazione di presentazioni infinte.

Durante l’incontro annuale degli amministratori delegati organizzato dal Wall Street Journal, Musk è stato chiaro: “I CEO delle grandi aziende non sono abbastanza concentrati sullo sviluppo dei propri prodotti e servizi”.

L’innovazione prima di tutto

Su questo Musk non ha il minimo dubbio: il successo si costruisce lavorando costantemente sull’innovazione. Invece, la tendenza è soffermarsi troppo sulla situazione finanziaria, sulle presentazioni PowerPoint. “Passate meno tempo nelle sale riunioni – ha detto Musk senza mezzi termini – e cercate il più possibile di rendere il vostro prodotto più accattivante e bello possibile”.

Elon Musk

Musk si è spinto oltre, notando che a suo avviso troppe figure professionali con un percorso accademico e un MBA alle spalle guidano le aziende. La formazione universitaria non è da sottovalutare, ovviamente, ma secondo lui non è l’unica cosa che conta. Anche per questo sono celebri ormai i colloqui di lavoro che Musk svolge personalmente.

L’esperienza cliente

Il numero uno di Tesla e SpaceX è ossessionato dal risultato del lavoro di un’azienda. “Una società – ha detto – deve essere un’organizzazione che immette sul mercato un prodotto o un servizio il cui valore è maggiore di quello delle materie prime e delle risorse utilizzate per crearlo”.

SpaceX, mr. Tesla talla conquista dell'infinito

Secondo Musk gli amministratori delegati a volte perdono di vista questo concetto fondamentale e si concentrano sull’attività aziendale fine a se stessa. Dovrebbero invece passare molto tempo ai "piani bassi", per confrontarsi con i clienti. Capire le loro necessità e le loro aspettative, perché “i prodotti vincenti non nascono solo da un’idea rivoluzionaria, ben più spesso sono frutto di un fine lavoro di sviluppo e messa a punto per la soluzione di problemi reali della gente”.

Pratica contro teoria

Certo, di errori Musk ne ha commessi. Ha rischiato la bancarotta in più di un’occasione e ha raggiunto i risultati odierni anche attraverso clamorosi fallimenti. Ma alla base del suo percorso di imprenditore, ha sempre individuato una costante.

Elon Musk Neuralink

“Quando passavo troppo tempo tra riunioni, grafici e analisi teoriche le cose andavano male – ha spiegato – Quando pensavo a come migliorare un’auto stando seduto al volante, guidandola, o quando mi concentravo su come avrebbero dovuto funzionare i razzi, allora ottenevo i risultati migliori”.

Un generale in prima linea

Alla domanda sul fatto che forse Musk dovrebbe delegare di più, la risposta è stata netta: “Mi fido dei miei collaboratori quando scendono nel dettaglio del loro lavoro – ha detto – ma io voglio essere sempre molto presente”.

È come in guerra, ha poi aggiunto: "Se un generale impartisce ordini dalla cima di una torre d’avorio, otterrà dei risultati. Se lo farà fianco a fianco con le prime linee, otterrà un coinvolgimento e un impegno di molto maggiori".