L'e-commerce cresce, e i centri urbani sono sempre più affollati di furgoni per le consegne: la mobilità elettrica serve anche qui

Jeff Bezos, ne siamo certi, dorme sonni tranquilli. Non tanto perché pur essendo stato scavalcato da Elon Musk nella classifica degli uomini più ricchi del mondo può fare ancora affidamento su un discreto gruzzoletto da 196 miliardi di dollari, ma perché la sua azienda ha davanti un futuro ancor più roseo.

Amazon, regina indiscussa dell’e-commerce, non potrà che beneficiare infatti del fatto che gli acquisti online, spinti anche dalla pandemia e dall’impossibilità di uscire di casa, sono dati in forte crescita. Va bene, il ragionamento è sintetizzato, ma ha basi reali.

Sempre più van a batteria

Durante gli Electric Days Digital 2021, che possono essere seguiti sulla piattaforma dedicata all'indirizzo www.electricdays.it, si è parlato anche del fatto che le consegne dell’ultimo miglio stanno aumentando a dismisura. Da più parti, quindi si chiede che il settore della corrieristica sia in qualche modo ripensato affinché contribuisca alla riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera.

Amazon Van by Rivian

Fortunatamente, i soggetti della filiera delle consegne a domicilio stanno tutti intervenendo per restare al passo con i tempi. Così, da una parte le Case si cimentano nella produzione di furgoni e van elettrici, dall’altra le grandi aziende di logistica rinnovano i parchi auto con veicoli elettrici o ibridi.

L’importanza della logistica

Dell’argomento hanno parlato Fabio Di Giuseppe, brand manager di Volkswagen Veicoli Commerciali, Nazzarena Franco, amministratore delegato di DHL Express Italy, e Christophe Poitrineau, direttore Supply Chain Carrefour Italia.

Tra gli argomenti trattati, anche quello sull’ottimizzazione dei viaggi e della distribuzione dei carichi merci, che grazie alle nuove tecnologie possono incrementare l’efficienza delle flotte e ridurre ulteriormente l’impatto sull’ambiente.