Al di là del picco di potenza in DC a 85 kW, nell'analisi di dettaglio la piccola torinese mostra una curva di ricarica davvero ottima

La Fiat 500 elettrica è un'auto particolarmente significativa sul panorama europeo. Best seller in Italia e tra le più apprezzate nel Vecchio Continente, è il simbolo della mobilità a zero emissioni Made in Italy. Insieme a Fastned, abbiamo analizzato nel dettaglio le curve di ricarica della citycar torinese, che da scheda tecnica raggiunge in DC una potenza di 85 kW.

L'esemplare analizzato è quello dotato della batteria da 42 kWh e a quanto mostrato dall'esperimento sul campo, effettuato con una temperatura esterna di circa 30 gradi, è riuscita a prendere il picco di potenza di ricarica con la batteria intorno al 20%. Ma vediamo meglio come si è comportata l'auto, che si pone come un ottimo benchmark nella sua categoria.

Una curva interessante

Guardando a come è variata la velocità di ricarica all'aumentare dell'energia accumulata all'interno della batteria, si scopre una curva dalla forma molto buona. Non ci sono grandi picchi e i cali di potenza sono dolci, senza scalini. 

Solo quando si supera l'80% si incontra uno scalino che sembra imposto dal software dell'auto. Porta la ricarica da 45 kW a 12 kW, appena sopra gli 11 kW di un caricatore tri-fase in corrente alternata. 

external_image

La potenza media

Fiat dichiara che per passare dallo 0% all'80% la batteria impiega circa 35 minuti. Significa che per guadagnare 100 km di autonomia, se si parte con la batteria al 10 o 20%, bastano meno di 10 minuti. Per guadagnare 200 km di autonomia ce ne vogliono invece tra i 21 e i 24.

  • 100 km di autonomia in 9-10 minuti
  • 200 km di autonomia in 21-24 minuti 

Questa è la teoria. Ma torniamo alla pratica e guardiamo un aspetto che forse più di altri è interessante valutare quando si ricarica un'auto elettrica: la potenza media per passare dal 20% all'80%. Ebbene, la Fiat 500 ha una potenza media di ricarica di 63 kW, che è il 74% del suo valore di picco. Un valore davvero di tutto rispetto.

external_image

Potenza di ricarica e capacità

Continuando ad analizzare i dati della Fiat 500 elettrica (qui la nostra prova completa) si nota come il rapporto tra la potenza di picco di ricarica (85 kW) e la capacità della batteria (42 kWh), quello che in Usa viene chiamato Peak C-Rate, è di circa 2. Mentre il C-Rate medio nella ricarica tra il 20% e l'80% è pari a 1,5. Si tratta in entrambi i casi di ottimi valori.

Come ottimo è il fatto che su una batteria da 42 kWh lordi, la capacità netta sia di 37,3 kWh, pari all'89,9%.

external_image

Quanto consuma e quanto ricarica

Considerando il dato appena riportato di una capacità netta della batteria di 37,3 kWh e l'autonomia dichiarata dalla Casa nel ciclo WLTP di 320 km, si deducono consumi di circa 11,7 kWh/100 km. 

Il che significa che ricaricando una batteria che si trova tra il 20% e l'80% la Fiat 500 elettrica guadagna 9 km al minuto. Con 10 km/minuto o anche di più quando si ricarica al picco di potenza. 

external_image

Il confronto con altre elettriche

Ma come si comporta la Fiat 500 elettrica confrontata con altre compatte a zero emissioni sulle quali sono state svolte valutazioni analoghe? Vediamola messa a fianco di Renault Zoe, Peugeot e-208, BMW i3, MINI Cooper SE e Volkswagen e-up!.

La Fiat 500 è l'auto che ricarica in media alla potenza maggiore: Meglio fa solo la Peugeot e-208, che ha una batteria più grande, di 50 kWh, nell'intervallo di carica tra il 20% e il 35% circa. 

external_image

La Fiat 500 elettrica ha anche una velocità media di ricarica superiore a quella delle altre vetture di questo confronto. 

Potenza media di ricarica in DC by InsideEVs
Modello
[fonte]
Trazione /
Batteria
(kWh)

Potenza

max

Potenza

media
(20-80%)

Fiat 500 elettrica (42 kWh) del 2021
[Fastned]
FWD
42 kWh
85 kW 63 kW
Renault ZOE Z.E. 50  del 2019
[Fastned]
FWD
55 kWh
46 kW 35 kW
Peugeot e-208 (50 kWh)  del 2020
[Fastned]
FWD
50 kWh
99 kW 53 kW
BMW i3 (42 kWh)  del 2019
[Fastned]
RWD
42,2 kWh
50 kW 47 kW
MINI Cooper SE  del 2020
[Fastned]
FWD
32,6 kWh
49 kW 45 kW
Volkswagen e-Up! del 2020
[Fastned]
FWD
36,8 kWh
37 kW 29 kW

Quanto guadagnano ogni minuto?

Velocità media di ricarica maggiore significa anche maggior numero di km guadagnati per ogni minuto in cui la Fiat 500 elettrica sta attaccata a una colonnina a corrente continua.

La citycar torinese sfoggia, come detto, un ottimo 9 km al minuto quando la batteria si trova tra il 20% e l'80%. Qui di seguito i risultati delle altre vetture prese in considerazione.

external_image
km/min di media in DC by InsideEVs
Modello
[fonte]
Trazione/
Batteria
(kWh)

Potenza

media
(20-80%)

Autonomia

guadagnata

stimata
(20-80%)

Fiat 500 elettrica (42 kWh) del 2021
[Fastned]
FWD
42 kWh
63 kW 9 km/min

Renault ZOE Z.E. 50 del 2019
[Fastned]
FWD
55 kWh
35 kW 4.4 km/min

Peugeot e-208 del 2020
[Fastned]
FWD
50 kWh
53 kW 6.7 km/min

BMW i3 (42 kWh) del 2019
[Fastned]
RWD
42,2 kWh
47 kW 6.4 km/min

MINI Cooper SE del 2020
[Fastned]
FWD
32,6 kWh
45 kW 6.1 km/min

Volkswagen e-Up! del 2020
[Fastned]
FWD
36,8 kWh
29 kW  

Conclusioni

Alla fine di tutte queste rilevazioni si scopre come la Fiat 500 elettrica sia stata progettata con grande attenzione in merito alle caratteristiche della ricarica. Ottimo è il rapporto tra la dimensione della batteria e la potenza massima in DC, ottima la velocità media e ottima la curva di ricarica.

C'è solo la brusca frenata quando si arriva circa all'85%, ma non è un problema insormontabile considerando la natura "cittadina" dell'auto e l'autonomia dichiarata di 320 km. Anche perché, lo ricordiamo, per preservare il più al lungo possibile l'efficienza della batteria sarebbe meglio non superare questa soglia.

La prova completa