Quello tra la Fiat 500 e l’Italia è un legame indissolubile. La prima, del 1957, motorizzò un’intera nazione durante gli anni del Boom economico. La seconda, del 2007, puntò invece a cambiare il concetto di citycar, mostrandola come una vettura compatta ma alla moda, accessibile, ma indiscutibilmente cool. La terza 500, quella elettrica, porta il marchio di Torino direttamente nel futuro.

La 500 elettrica è infatti l’auto con cui Fiat si è lanciata nella mobilità a zero emissioni dell’epoca moderna. La Casa ha puntato su un modello iconico, forse il più riconoscibile di tutti quelli a listino, e lo ha reinterpretato in chiave zero emissioni partendo da un forte legame con la 500 termica che abbiamo imparato a conoscere in questi anni ma reinterpretarli in modo originale. Convincerà gli italiani a passare all’auto a batteria? Lo scopriremo presto. Intanto, impariamo a conoscerla da vicino.

Pregi e difetti

Ci Piace Non ci piace
+ Design iconico - Bagagliaio
+ Piacere di guida - Spazio posteriore insufficiente per gli adulti
+ Praticità in città - OTA parziali
+ Autonomia superiore alla media - Pianificazione viaggi non "attiva"

Verdetto

8.3 / 10
Fiat 500 elettrica
Fiat 500 elettrica

Esterni ed interni

Guardandola non si può dire che lo stile non sia familiare. Linee, proporzioni e dimensioni sono simili a quelle della 500 endotermica. Eppure la 500 elettrica è tutta nuova, e con la sorella a benzina condivide solo il 3% delle componenti. Le differenze sono evidenti se si guardano i dettagli: la freccia laterale sporgente, ad esempio, o il sopracciglio luminoso sopra il faro anteriore, che è direttamente incastonato nel cofano.

Lunga 3,63 (6 centimetri in più), l’auto, che è anche leggermente più larga, nasce su una piattaforma completamente riprogettata proprio per rispondere alle esigenze “elettriche” del nuovo modello. A livello di spazio sfoggia un'abitabilità discreta, da citycar ultracompatta: davanti si sta molto comodi, mentre dietro i passeggeri adulti sono a dir poco sacrificati. Invariato e quindi piccolo è anche il bagaglio con 185 litri che diventano 550 abbattendo i sedili posteriori.

Fiat 500 elettrica

Il salto in avanti più importante riguarda la qualità percepita. Alcune plastiche sono rigide è vero, ma la cura per il design è maniacale con una piacevole alternanza di materiali e la presenza di un grande schermo centrale con diagonale da 10"25 pollici, dal quale si comanda il nuovo sistema di infotainment Uconnect 5. Si respira una gran bell'aria di modernità che non è fine a se stessa: buona è anche la disposizione dei comandi, tutti ordinati e facili da raggiungere. 

Batteria e Autonomia

L’auto accoglie sotto al pianale un pacco batterie da 42 kWh (effettivi sono 37,3) raffreddato a liquido che è fornito dalla Samsung e che ha un peso di circa 300 kg. Grazie proprio al posizionamento centrale garantisce una distribuzione quasi ottimale dei pesi (52/48) e un baricentro basso, a tutto vantaggio della dinamica.

La batteria, che secondo i cicli omologativi WLTP permette di percorrere 320 km con un pieno, è garantita 8 anni o 160.000 km per una capacità residua minima del 70%. 

Fiat 500 elettrica

Ricarica

Per quanto riguarda la ricarica - a proposito, la presa si trova nella stessa posizione del bocchettone del serbatoio, sopra la ruota posteriore destra - la Fiat 500 elettrica ha attacco Tipo 2 per rifornirsi in corrente alternata e attacco CCS Combo2 per il pieno di elettroni a corrente continua.

Attaccata all’impianto di casa, a 2,3 kW, la 500 elettrica ricarica 11 km in un’ora. Con wallbox, a 4,5 kW si raddoppia la velocità ricaricando 22 km ogni ora. Sempre a corrente alternata, ma presso una colonnina da 22 kW si arriva a guadagnare 55 km all’ora, mentre se ci si attacca ad una fast charge, alla potenza massima teorica di 85 kW si guadagnano 224 km in 30 minuti.

Fiat 500 elettrica

Come va e quanto consuma

Accomodandosi al posto guida si ha la chiara percezione che l’auto sia completamente nuova. I sedili sono morbidi e la posizione è meno verticale, più naturale e più facile da regolare. L’auto a livello di assetto ha una solidità non comune per le auto di questo segmento: assorbe bene le asperità dell’asfalto, anche con cerchi da 17” con pneumatici con spalla abbastanza bassa.

La 500 elettrica è anche ben insonorizzata, a tutto vantaggio del comfort. Dotata di sterzo leggero ma abbastanza preciso e diretto, fa venir voglia di lasciare la città per avventurarsi su percorsi più guidati. Ha tre modalità di guida: Range, che massimizza la quantità di recupero di energia nelle fasi di rilascio; Normal, che rappresenta un compromesso tra efficienza e prestazioni, e Sherpa, che tara ogni dispositivo per permettere di percorrere più strada possibile.

Ecco, ma quanto consuma in condizioni reali? Sul misto la 500 elettrica ha fatto registrare consumi medi di 17,7 kWh/100 km. Guardando le percorrenze nei vari scenari affrontati, si scopre l'auto percorre 6 km/kWh di media in città, mentre in autostrada non va oltre i 5. è sui percorsi misti che dà il meglio di sé, arrivando a circa 7 km/kWh.

Listino prezzi

La 500 elettrica con batteria da 42 kWh (perché c'è anche una versione Action dalle prestazioni ridotte) è disponibile in due allestimenti: Passion e Icon. Il primo ha un prezzo di partenza di 29.900 euro mentre il secondo parte da 31.400 euro. Con ecobonus e incentivi Fiat i prezzi scendono rispettivamente a 23.700 e 25.200 euro. Se si aggiunge anche la rottamazione si arriva infine a 19.400 e 20.900 euro.

Fotogallery: Fiat 500 elettrica, perché comprarla e perché no

Fiat 500e

Lunghezza 3,63 m
Larghezza 1,74 m
Altezza 1,52 m
Peso 1.365 kg
Capacità di carico 185 litri
Batteria 37,3 kWh
Tipo di ricarica AC 11 kW - DC 85 kW
Motore Sincrono a magneti permanenti
Trazione Anteriore
Potenza 118 CV
Coppia Massima 220 Nm
Accelerazione 0-100 km/h 9 secondi
Velocità Massima 150 km/h
Consumi 16,9 kWh/100 km
Autonomia in elettrico 320 km (WLTP) - 220 km (rilevati nel test)