Anche la Banca d’Italia accelera sulla transizione energetica. Con l’occhio rivolto alla mobilità sostenibile, l’Istituto pubblica un bando che prevede l’installazione di 17 colonnine per auto elettriche nelle sue sedi a Roma.

Nel testo c’è scritto che l’azienda vincitrice dell’appalto dovrà non solo posare i punti di ricarica, ma anche gestirli e curarne la manutenzione per 8 anni. Il valore massimo è stato fissato in 210.000 euro (al netto di Iva) e l’aggiudicazione andrà all’offerta con il minor prezzo.

Disponibili 15 auto elettriche

Entrando un po’ di più nei dettagli, Bankitalia specifica che 8 delle 17 colonnine andranno ai parcheggi della sede centrale in via Nazionale, nel centro della capitale, mentre le altre 9 saranno destinate alla sede in via Tuscolana, dove vengono create le banconote.

Ma la Banca d’Italia ha già avviato la propria conversione alle zero emissioni. Stando infatti al suo “Rapporto ambientale 2022”, l’Istituto possiede 15 vetture a batteria, in servizio per gli spostamenti tra Roma e Frascati.

L’impegno di Bankitalia

“Per diminuire l’utilizzo di combustibili fossili nel tragitto casa-lavoro – si legge nel report di qualche settimana fa –, presso i principali edifici di Roma e Frascati sono disponibili torrette per la ricarica di auto, moto e bici elettriche; è allo studio un progetto di installazione, nelle aree di parcheggio aziendali, di torrette per la ricarica veloce delle vetture elettriche di proprietà dei dipendenti a costi agevolati”.

In più, “entro la fine del 2022 tra i dipendenti sarà diffuso un nuovo questionario sugli spostamenti casa-lavoro, che consentirà di aggiornare il calcolo delle relative emissioni di gas serra e di individuare le possibili azioni per ridurle”.