Non è una novità che Baidu, principale motore di ricerca cinese, stia lavorando per affermare nel campo della mobilità elettrica. Ma se dal punto di vista delle vendite di vetture a zero emissioni i volumi sono ancora bassi, la società, forte di un background altamente tecnologico, sta crescendo molto velocemente nel campo dei robotaxi.

Il “Google del Paese del Dragone”, nell’agosto del 2022, ha lanciato il suo servizio di trasporto di persone con veicoli senza conducente. Ora, a distanza di un anno, inaugura nuove tratte nella città di Wuhan. Ma a che punto siamo?

Il collegamento strategico con gli aeroporti

Partiamo dall’inizio. Esattamente un anno fa Baidu è stata la prima azienda in assoluto a poter offrire questo tipo si servizio. Inizialmente le operazioni di robotaxi sono state attivate nelle città di Chongqing e Wuhan, su alcune tratte cittadine e solo durante le ore diurne, ma comunque su strade aperte al pubblico. 

Jidu Robo-02

La Jidu Robo-02, berlina elettrica di Baidu che opera come robotaxi

Tutto con 10 esemplari del robotaxi Apollo di quinta generazione (divisi equamente tra le due megalopoli). Da allora, il servizio di robotaxi è stato attivato in altre città ed è ora disponibile a Pechino, Shanghai, Guangzhou e Shenzhen. Inoltre, Con il passare del tempo, i robotaxi hanno iniziato a operare su aree urbane sempre più estese, conquistando un consenso crescente. 

Oggi Baidu conquista un altro successo avviando il primo servizio di robotaxi che si avventura oltre i centri cittadini. L’azienda ha infatti attivato la tratta che collega Wuhan con il relativo aeroporto.

Il servizio funziona

Al momento, con 200 veicoli Apollo senza conducente che circolano regolarmente per le strade e milioni di corse effettuate (2 milioni solo nel primo trimestre del 2023), il servizio di robotaxi di Baidu è il più grande del mondo. Gli utenti hanno dato un giudizio medio complessivo di 4,9 stelle su 5, con il 97,12% delle recensioni che hanno assegnato il massimo dei voti.

La robocar di Baidu

La robocar di Baidu che sarà realizzata con la tedesca ZF

Robotaxi sempre più moderni

Visto il successo, Baidu sta investendo molto sulla tecnologia dei taxi a guida autonoma. Lo fa con un nuovo brand dedicato che ha già all’attivo due vetture, la Robo-01 e la Robo-02, e che ha stretto una collaborazione con ZF per un veicolo di nuova generazione dalle forme a dir poco originali

Il brand Jidu nasce come joint venture tra Baidu e Geely con un investimento di circa 370 milioni di euro.  

Fotogallery: La robocar di Baidu