Volkswagen è ancora intenzionata ad elettrificare l'intera gamma, mescolando i linguaggi del design tradizionali con le tendenze attuali. Tra queste ultime va forte l'abbandono dei pulsanti fisici a favore dei comandi touch screen, tuttavia il colosso tedesco pare intenzionato ad ascoltare il feedback dei consumatori e a seguire un'altra strada.

Alcuni proprietari di Volkswagen, infatti, si sono lamentati per lo spostamento dei comandi fisici sul grande schermo touch screen dell'infotainment sul cruscotto, simile a un tablet, e sui pulsanti aptici del volante. La casa ha quindi deciso di tornare indietro sulla sua decisione e di eliminare i pulsanti.

Tesla docet, anzi no

Sotto l'ex CEO Herbert Diess, la casa automobilistica tedesca aveva deciso di seguire le orme di Tesla e di centralizzare la maggior parte dei comandi sullo schermo dell'infotainment. Inoltre, aveva eliminato i pulsanti fisici dai suoi volanti, sostituendoli con pulsanti capacitivi sensibili al tatto.

Questa mossa però, secondo Volkswagen stessa, "ha frustrato clienti che non dovrebbero essere frustrati". L'attuale CEO, Thomas Schäfer, dice chiaramente: la decisione "ha danneggiato molto" il marchio. Adesso bisogna correre ai ripari.

La svolta si chiama ID.2

Il cambiamento sarà tangibile a partire dalla Volkswagen ID.2. Il designer di interni di Volkswagen, Darius Watola, ha parlato con Autocar ribadendo che questo modello rappresenta il futuro degli abitacoli Volkswagen.

Volkswagen ID.2all

Volkswagen ID.2all

Volkswagen ID.2all

Un dettaglio interno della Volkswagen ID.2all

Al suo interno, direttamente sotto il touch screen, c'è una fila di pulsanti fisici retroilluminati che consentono di accedere facilmente ai comandi. L'auto di serie avrà anche un pulsante per il volume manuale e una grande manopola centrale (come quella di BMW iDrive) per altre funzioni complementari.