Con le Case cinesi che stanno invadendo il mercato europeo con auto elettriche a basso costo, i costruttori storici devono accelerare sullo sviluppo e la commercializzazione di modelli a zero emissioni accessibili alle masse. Per farlo, come è accaduto spesso anche in passato, si ricorre a sinergie e collaborazioni.

È proprio di questo che, secondo recenti indiscrezioni riportate dal quotidiano tedesco Handelsblatt, Renault e Volkswagen stanno parlando. Il gruppo francese e il colosso di Wolfsburg, insomma, potrebbero condividere tecnologie e componenti per dare vita a vetture a batteria per le masse.

Mezzo milione di elettriche low cost in arrivo

I colloqui tra le due Case sarebbero ancora in una fase iniziale. Ma già si starebbe parlando di condividere una piattaforma che consenta a entrambe di proporre in tempi brevi auto elettriche con un costo di 20.000 euro. Forse meno, almeno sulle versioni di attacco.

Se trovassero l’accordo, Renault e Volkswagen potrebbero arrivare a produrre tra i 200.000 e i 250.000 veicoli ciascuna.

Volkswagen ID.2all

La Volkswagen ID.2 costerà 25.000 euro, ma la Casa pensa a un modello ancor più economico

Dalla Twingo alla citycar tedesca

Di certo, da questa collaborazione, non nascerebbero né la Volkswagen ID.2 (vettura che è già stata progettata per essere costruita sulla piattaforma MEB) né la Renault 5. Si pensa però che altre auto, come l’elettrica da 20.000 euro annunciata dalla Casa tedesca a marzo di quest’anno e riguardo alla quale non sono ancora usciti dettagli o la Renault Twingo appena mostrata in versione concept, potrebbero essere i primi modelli di questa nuova alleanza.

I frutti, quindi, si vedranno tra un paio d’anni. Arriveranno sul mercato nel 2025 o, al più tardi, nel 2026. In attesa di ulteriori dettagli, un portavoce di Renault ha confermato che ci siano trattative in corso affermando: “Stiamo affrontando diverse discussioni ma nulla è stato ancora finalizzato”. In Volkswagen, invece, per ora ci si chiude dietro il più classico dei “no comment”.