Innovare nel campo delle batterie, a volte, significa innovare nel campo della produzione. E 8inks, startup svizzera nata come spin-off del politecnico di Zurigo, afferma di aver trovato il modo per rivoluzionare addirittura i metodi con cui vengono realizzate le celle agli ioni di litio.

Li rivoluzionerebbe perché potrebbe accelerare i ritmi produttivi anche di 10 volte.  A confermare poi che i loro metodi sono innovativi c’è anche il finanziamento da 3 milioni di euro che la società ha raccolto da una serie di investitori.

Meno tempo, meno costi e più prestazioni

8inks applicherebbe i metodi produttivi dell’industria della carta e della fotografia alla realizzazione di celle agli ioni di litio e materiali per batterie. Il metodo sfrutterebbe un processo di rivestimento multistrato (cioè realizzando più strati contemporaneamente) che, oltre ad accelerare i tempi, consentirebbe anche di ridurre i costi di un consistente 30%. Al momento, 8inks è riuscita a realizzare fino a 8 strati (da qui il nome dell'azienda) allo stesso momento.

Adottando questo metodo della 8inks si possono ottenere anche batterie con una densità energetica più alta. È una cosa che è emersa da una serie di valutazioni interne prima e da test esterni e indipendenti poi. Ora, col finanziamento raccolto, 8inks vuole mettere a punto un impianto pilota per valutare la possibilità di avviare la produzione su scala industriale.

 

Va bene anche per lo stato solido

Paul Baade, ceo di 8inks, spiega perché i metodi produttivi dell’azienda che dirige sono così interessanti: “La fase dell’adozione anticipata nel campo della mobilità elettrica è terminata. Ora si devono raggiungere le masse. Le batterie non hanno ancora prestazioni elevate e sono troppo costose. Con 8inks abbiamo sviluppato un metodo per risolvere questo problema attraverso l’innovazione nella tecnologia di produzione. La nostra tecnologia rende le batterie più potenti e la produzione più economica”.

Lukas Weder, partner di Founderful, ha aggiunto: “Il mercato delle auto elettriche e il relativo mercato delle batterie si sta sviluppando rapidamente: si arriverà presto a un giro d’affari da trilioni di dollari. Siamo convinti che l’innovazione del team fondatore nella tecnologia di produzione darà un contributo decisivo alla produzione di massa di batterie di nuova generazione. Tra queste, anche quelle allo stato solido, per le quali i processi produttivi di 8inks non hanno controindicazioni”.