Ecco la nuova Fiat Panda o, come ha deciso di chiamarla la Casa torinese, la Fiat Grande Panda, a sottolineare un cambio netto di impostazione che porta l'auto a competere in un segmento superiore, quello B.

Cambia nome, cambia dimensioni, cambia piattaforma, ma sottolinea una sorta di ritorno al passato per quanto riguarda lo stile, che strizza l’occhio in più di un dettaglio a quella Panda originaria disegnata da Giugiaro nel 1980, proiettandola nel futuro con nuove dimensioni e nuove alimentazioni. A questo proposito, la Fiat Grande Panda sarà anche elettrica.

La piattaforma della Citroen C3

In attesa dell’11 luglio, giorno della presentazione ufficiale, già possiamo immaginare molte caratteristiche della Fiat Grande Panda elettrica. Questo perché nasce sulla piattaforma Smart Car della Citroen C3 che è stata da poco immessa sul mercato. Si tratta di una piattaforma realizzata circa 10 anni fa da Peugeot (o meglio, dal gruppo PSA) in collaborazione con Tata Motors.

Fiat Grande Panda (2024)

Fiat Grande Panda (2024)

Citroën e-C3 (2024)

Citroën e-C3 (2024)

La piattaforma, che deriva dalla CMP, è stata progettata per offrire una base di partenza efficiente, affidabile ed economica per la produzione di vetture multialimentazione destinate ai mercati emergenti, da quelli asiatici a quelli africani e sudamericani.

La gamma a zero emissioni

La Panda elettrica, che è lunga 3,99 metri (2 centimetri in meno della C3), adotterà con tutta probabilità lo stesso powertrain del city-SUV francese. Avrà dunque batteria al litio-ferro-fosfato da 44 kWh che darà energia a un motore elettrico collegato all’avantreno in grado di sviluppare 113 CV. L’auto dovrebbe avere anche autonomia equivalente, pari a 320 km sul ciclo misto secondo lo standard WLTP.

Fiat Grande Panda (2024)

Fiat Grande Panda (2024)

Come per la Citroen e-C3, anche la Grande Panda in futuro potrebbe accogliere a listino una versione elettrica più economica, con autonomia da 200 km, in cui costo dovrebbe aggirarsi intorno ai 20.000 euro. A proposito di costo. La Citroen e-C3 ha un prezzo di partenza di 23.300 euro. La Grande Panda elettrica dovrebbe costare un po’ di più, pur restando sotto la soglia psicologica del 25.000 euro. Questo sia per la piattaforma adottata, sia per il fatto che sarà prodotta in Serbia, nello stabilimento di Kragujevac.

Tornando ai dati tecnici, la Fiat Grande Panda dovrebbe avere un caricatore di bordo da 11 kW, con il quale si può ricaricare la batteria in corrente alternata in circa 2 ore e 50 minuti mentre in corrente continua, a 100 kW di potenza, per passare dal 10% all’80% serviranno circa 26 minuti.

Un’antenata illustre

La Fiat Grande Panda elettrica non è la prima della specie. A Mirafiori già in passato si lavorò su una Panda a zero emissioni. Era il 1990 quando fu presentata la Panda Elettra. Costruita con l’austriaca Steyr-Puch, che già collaborava con la Casa per la versione a quattro ruote motrici della famosa citycar, fu prodotta in un numero esiguo di esemplari e fu poco più che un esperimento.

Fiat Panda Elettra

La Fiat Panda Elettra del 1990

L’auto aveva due soli posti, con la parte posteriore dell’abitacolo occupata per buona parte da un accumulatore formato da batterie al piombo.

Alimentavano un motore elettrico a corrente continua da poco più 12 CV di potenza e garantivano un'autonomia di circa 100 km

Fotogallery: Fiat Grande Panda (2024)