356 km/h di velocità massima, 2.3 secondi per arrivare da 0-100 km/h, ma sopratutto 1.635 chilometri di autonomia

Velocità massima superiore a 356 km/h, 1.635 chilometri di autonomia, 0-100 km/h in meno di 2,3 secondi. La Hyperion XP-1, hypercar con propulsione ad idrogeno (nei piani, tra l'altro, anche di BMW) è finalmente realtà, seppur in fase prototipale. Doveva essere lanciata al Salone di New York, ma a causa della pandemia globale in atto, l'annuncio era stato rinviato a data da destinarsi. L'evento, che poi si sarebbe dovuto svolgere virtualmente, è stato cancellato, ma quanto si vede in queste immagini, con i primissimi dati stimati, è davvero interessante.

Fibra di carbonio e titanio

E l'entusiasmo è legato non solo a concetti di stile e design, quanto anche alla tecnica, con il modulo delle celle a combustibile a idrogeno che genera energia elettrica su tutte e quattro le ruote, con tra l'altro, una trasmissione a tre rapporti. La Hyperion XP-1 tra l'altro, dovrebbe riuscire a contenere il proprio peso in soli 1.248 chilogrammi, grazie ad un telaio monoscocca in carbonio e titanio. Fibra di carbonio utilizzata, tra l'altro, anche per i serbatoi che immagazzinano l'idrogeno.

Hyperion XP-1 - Posato posteriore

Stile legato a Bugatti

Esteticamente sembrerebbe ispirarsi a quelli che sono i modelli di casa Bugatti, anche se l'anteriore, con la forma della presa d'aria, sembra ricordare quello della Aston Martin Vantage. Di contro, i gruppi ottici posteriori sembrano rifarsi alla Lykan Hypersport. Quel che è certo è che il piano di questa hypercar sembra davvero ambizioso.

Punta forte sull'idrogeno

Lo slogan della Hyperion è infatti "tecnologia spaziale per la strada" considerando come l'apporto tecnologico da parte della Nasa sia evidente. Il piano però è quello di spingere il mondo automotive verso la mobilità, con un non meglio precisato piano per la rivoluzione industriale in riferimento all'idrogeno secondo quanto riferito da casa madre.

Hyperion XP-1 - Chiusura posteriore

Per il momento però, bisognerà attendere l'inizio della produzione stimato nel 2022, con la volontà di arrivare a quota 300 esemplari. Il prezzo non è stato ancora indicato.

Attenzione alle rivali

Siamo di fronte dunque ad un nuovo competitor in questa ricerca dell'oro prestazionale su base elettrica? La Hyperion XP-1 sfoggia l'asso dell'idrogeno. Automobili Pininfarina Battista, Rimac C_Two, Apsark Owl, e perchè no, anche la Tesla Roadster, sono avvisate.

Fotogallery: Hyperion XP-1