Il Nurburgring è così: non solo è il circuito più impegnativo al mondo, ma è un vero e proprio palcoscenico di prototipi, preserie e muletti che vanno a mettersi alla prova prima di trasformarsi in modelli di serie. 

L’ultima a farsi catturare più o meno volontariamente durante i test è la Cupra el-Born, compatta a zero emissioni della Casa spagnola e primo modello del brand a sfruttare la piattaforma MEB e il powertrain di Volkswagen ID.3 e ID.4 e Skoda Enyaq.

Attesa nel 2021

L’auto, qui ancora pesantemente camuffata, arriverà sul mercato nel corso del 2021. Inizialmente pensata come Seat el-Born, durante l’estate ha subito un cambio di rotta e sarà venduta esclusivamente a marchio Cupra. Questo, di certo, porterà a concentrarsi sulle versioni ad alte prestazioni.

Fotogallery: Cupra El-Born

Si pensa infatti che l’auto avrà batteria da 77 kWh che, oltre a garantire un’autonomia fino a 500 km, alimenterà i due motori elettrici disposti sui due assi, in grado di garantire una potenza superiore ai 300 CV.

  • Batteria: 77 kWh
  • Ricarica: 125 kW (260 km di autonomia in 30 minuti)
  • Autonomia: 500 km
  • Potenza max: 306 CV
  • 0-50: 2”9

Aspettando le GTX

La el-Born potrà contare sulla trazione integrale e sarà dotata anche di controllo dinamico dell’assetto, con la possibilità di settare una taratura specifica per esaltare il comportamento su strada.

Il Gruppo Volkswagen potrebbe utilizzarla anche per mettere a punto una serie di regolazioni in vista del debutto sul mercato delle versioni sportive della famiglia ID. Quelle che saranno individuate dalla sigla GTX e che, si pensa, possano arrivare sia per la ID.3 sia per la ID.4 e la ID.4 Coupé (nome provvisorio che potrebbe diventare ID.5) di cui si è parlato di recente.