Prende servizio la prima tranche di Nissan Leaf e Subaru Forester grazie al Minambiente: lo Stato vuole dare il buon esempio

Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha consegnato oggi ai Carabinieri la prima tranche di auto elettriche e ibride che sulla base di un protocollo siglato tra il dicastero e l'Arma andranno a rinnovare e rendere in chiave green il parco veicoli dei reparti Parco nazionale e Biodiversità.

“Ho firmato questo protocollo – ha dichiarato Costa – perché il Minambiente oggi rappresenta l’hub della transizione ecologica in Italia ed è anche custode del sistema dei parchi nazionali e delle riserve naturali”. Ed è proprio in questi contesti che diventa ancora più importante per lo Stato fa percepire l'impegno messo in campo per la sostenibilità ambientale.

Dare il buon esempio

L’Arma, nello specifico, ha ricevuto oggi 37 Nissan Leaf e 26 Subaru Forester ibride grazie all'intesa con il ministero che prevede un totale di 156 vetture. Una seconda tranche di altre 15 Leaf sarà consegnata a fine gennaio 2021 mentre le restanti vetture arriveranno più avanti.

Fotogallery: Auto elettriche e ibride per i Carabinieri

Il Ministro, durante il proprio intervento alla cerimonia di consegna a Castel Fusano (Roma), ha sottolineato come lo Stato in tutte le sue rappresentazioni territoriali abbia il dovere, prima ancora di chiederlo al cittadino, di rappresentarsi con le migliori performance ambientali possibili.

Un accordo di lunga durata

“Non ha senso – ha spiegato Costa – chiedere ai cittadini di favorire la transizione ecologica se poi lo Stato rimane indietro”. Da questa considerazione generale è nato il protocollo d’intesa tra il Minambiente e l'Arma che Costa ha dichiarato di avere intenzione di rinnovare fino a che rimarrà in carica, contribuendo in modo determinante alla trasformazione green della flotta.

Il ministro Costa consegna Nissan Leaf e Subaru Forester ai carabinieri

Alle parole del ministro hanno fatto eco quelle del Generale di Corpo d’Armata Ciro D’Angelo, alla guida del Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari dei Carabinieri, anch'egli presente alla cerimonia di consegna. D’Angelo ha sottolineato come l’iniziativa “si inserisca nel novero di quelle assunte a difesa delle aree naturalistiche più straordinariamente ricche di biodiversità del paese, affidate alla tutela e alla gestione dei Carabinieri”.

Tra elettriche e ibride

Nello specifico, i modelli scelti per rinnovare il parco auto dei reparti dell’Arma sono stati selezionati considerando anche l’idoneità al servizio che svolgeranno. Così, ad esempio, 21 autovetture elettriche Nissan sono state destinate ai Reparti Carabinieri Parco nazionale e 16 ai Reparti Carabinieri Biodiversità, mentrele 13 autovetture ibride sono state assegnate ai Reparti Carabinieri Parco nazionale e 13 ai Reparti Carabinieri Biodiversità.

  Nissan Leaf e+ Subaru Forester 
Motore elettrico sincrono 2.0 benzina + elettrico
Potenza max 218 CV 150 CV
Coppia max 340 Nm 194 Nm
Autonomia 385 km 592 km
0-100 6"9 11"8
Velocità max 157 km/h 188 km/h
CO2 0 154 g/km
Peso 1.707 kg 1.656 kg

Il ministro Costa ha concluso spiegando che è “chiaro che dobbiamo bilanciare le necessità operative con l’aspetto dell’impatto ambientale. Ci sono delle condizioni operative che costringono a fare delle scelte che possono sembrare apparentemente limitate dal punto di vista dell’impatto ambientale ma che invece hanno un significato operativo di necessità, per agevolare le operazioni dell’Arma”.

Il ministro Costa consegna Nissan Leaf e Subaru Forester ai carabinieri

Soddisfazione è stata espressa anche da Marco Toro, presidente e AD di Nissan Italia, che ha commentato: “Sono orgoglioso che la Leaf sia a supporto dell’Arma dei Carabinieri e che affianchi lo svolgimento delle loro attività in aree di grande valore naturalistico. Con 400 km di autonomia a zero emissioni è l'auto ideale per gli spostamenti urbani ed extraurbani”.