Dopo l'aspro contenzioso del 2008 il giornalista inglese torna per la prima volta alla guida di un'auto di Elon Musk: ecco com'è andata

In molti ricordano il primo contatto tra Jeremy Clarkson e Tesla. Il celebre giornalista britannico, nel 2008, provò una Roadster criticandola aspramente. Tanto che la Casa di Palo Alto provò, senza riuscirci, a citare in giudizio niente meno che la BBC.

La questione è durata anni e, da allora, Tesla si è rifiutata metodicamente di fornire una sua qualsiasi vettura alla trasmissione Top Gear, che Clarkson conduceva al tempo insieme a Richard Hammond e James May. Oggi Clarkson torna a bordo di una Tesla, una Model X P100D per l’esattezza, ed esprime giudizi molto diversi rispetto a quelli di (ormai) 13 anni fa.

La drag race con la R8

Nel video andato in onda per la sua nuova trasmissione, The Grand Tour, apprezza la guida autonoma, la funzione Summon e la tanta tecnologia a bordo. Si diverte, con l’ironia che da sempre lo contraddistingue, anche a mandare messaggi ai suoi colleghi.

Fotogallery: Tesla Model X VS Audi R8

Per mettere in evidenza le prestazioni della Model X, Clarkson ha anche organizzato una drag race tutta particolare contro una supercar con motore a combustione interna: un'Audi R8.

L’ok degli avvocati

La cosa più divertente riguarda il fatto che Jermy Clarkson abbia avuto l’ok dalla produzione della trasmissione solo dopo un consulto con il proprio ufficio legale, che tra l’altro era fisicamente presente a bordo della Model X durante la drag race.

A prescindere da questo, il giornalista britannico, con il suo consueto modo di fare un po’ guascone, ha valutato in modo oggettivo l’auto, mettendone in luce le caratteristiche principali e dandone un giudizio generalmente positivo. Pace fatta con Elon Musk?