La compagnia assicurativa di Elon Musk e soci, dedicata solo alle Tesla, ha già fissato la sede legale presso la Gigafactory di Berlino

Tesla è auto elettriche e servizi: pannelli solari, sistemi di accumulo di energia e anche assicurazioni. Ecco, da oggi la compagnia assicurativa della Casa di Palo Alto ha una filiale europea, la cui sede è stata registrata presso la Gigafactory di Berlino.

Lo fa sapere la BaFin, l’autorità tedesca di supervisione del settore finanziario, che controlla l’attività di banche, assicurazioni e altri istituti che operano in Germania. Lo scrive sul numero di aprile del suo giornale, attraverso il quale fa sapere della nascita della Tesla Insurance Limited tedesca.

Un’attività in espansione

A capo della nuova agenzia assicurativa di Elon Musk siederà Andrew Wright, che guiderà la filiale nella gestione delle pratiche inerenti incidenti, furti, incendi, eventi naturali e altre forme di danno alle vetture che stipuleranno la polizza con la neonata compagnia. Insomma, la Tesla Insurance Limited tedesca sarà un'agenzia assicurativa a tutti gli effetti. Solo che svolgerà il proprio lavoro solo con vetture Tesla.

Si tratta di un’attività analoga a quella che la Tesla Insurance Limited già svolge negli Stati Uniti e in Cina, dove pure è stata creata una società assicurativa. Restando in Europa, Tesla ha già manifestato l’intenzione di allargare la propria presenza anche ad altri Paesi. Tra questi il Regno Unito, dove le pratiche sembrerebbero già avviate.

 

Ci sarà anche l'assistenza

A fianco di questa attività assicurativa, Tesla potrebbe ampliare la rete assistenza per occuparsi di svolgere le riparazioni sulle vetture incidentate o danneggiate in modo diretto. Lo ha detto Elon Musk in persona la scorsa settimana: svolgere le riparazioni internamente renderebbe le cose più facili per gli automobilisti. Soprattutto per coloro assicurati presso la compagnia interna.

L’iniziativa non è nuova, visto che sono anni che la volontà di creare una sorta di “ecosistema completo” è stata annunciata. Ma con l’aumento dei volumi e della rete produttiva, oltre che con la maggiore diffusione dell’attività assicurativa che si sta definitivamente allargando oltre i confini degli Stati Uniti, la cosa potrebbe prendere piede una volta per tutte.