Nella scorsa primavera, NIO ha annunciato di essere pronta a montare la sua batteria da 1.000 km di autonomia su tre dei modelli elettrici che produce. Le batterie in questione, realizzate dallo specialista cinese WeLion, hanno capacità di 150 kWh e sono dotate di elettrolita semisolido.

Oggi, secondo quanto riportato dal sito di notizie automobilistiche cinese CNEVPost, la Casa di Shanghai avrebbe presentato al ministero dell’Industria e della Tecnologia cinese tutta la documentazione per poter adottare quel tipo di accumulatore su ben 11 modelli.

Disponibile su tutta la gamma

La gamma NIO è in continua evoluzione. Tralasciando la supercar EP9, risalente al 2016, inizialmente la Casa ha messo in commercio due SUV – la ES8 e la ES6 – e due berline, la ET5 (disponibile anche con carrozzeria station wagon) e la ET7. Ora sta allargando l’offerta con altri SUV (EC6, ES7, EC7).

La NIO ET5

La NIO ET5, concorrente della Tesla Model 3

Secondo quanto riportato dai media locali, la richiesta avanzata al ministero sarebbe formulata per adottare la batteria da 150 kWh su 11 modelli. Di questi, 2 sarebbero berline (la ET5 e la ET7, con tutta probabilità) e 9 sarebbero SUV. Il che significa che la gamma sarà ampliata proprio dall’arrivo di nuove vetture con questo tipo di carrozzeria.

Una batteria intercambiabile

Se il ministero accetterà la richiesta, NIO potrà quindi montare la sua batteria da 1.000 km su tutte le vetture in commercio, battendo la concorrenza sul tempo. La batteria con elettrolita allo stato semisolido è stata annunciata per la prima volta nel gennaio del 2021 e WeLion ne ha avviato la produzione a novembre dello scorso anno. A partire dall’estate è montata su alcuni modelli della Casa, che la sta adottando in modo sempre più diffuso.

Nio ES8 Facelift: L'esterno

La NIO ES8: SUV di grosse dimensioni da poco sottoposto a restyling

Una cosa interessante riguardante questo tipo di batteria è il fatto che è intercambiabile con le altre proposte da NIO sulle sue elettriche. Ha le stesse dimensioni di un pacco tradizionale e gli stessi attacchi.

NIO, come è noto, crede più di tutti sulla tecnologia del battery swap e ha messo in funzione, principalmente in Cina ma non solo, oltre 1.000 stazioni automatizzate per il cambio al volo della batteria. In queste stazioni, pagando un apposito abbonamento, i clienti della Casa potranno sostituire la loro batteria con quella da 150 kWh anche per un periodo limitato di tempo. Magari per quando avranno necessità di affrontare un lungo viaggio.

Fotogallery: Le stazioni per il Battery Swap di NIO