NIO e Changan hanno annunciato l’avvio di una collaborazione per lo sviluppo di nuove vetture elettriche dotate di tecnologia battery swap. Di auto, cioè, in grado di sostituire al volo la batteria per accoglierne una carica e non fermarsi per ricaricare alla colonnina.

NIO, che ciclicamente affronta periodi di crisi, spera con questo accordo di ridurre le perdite. Changan, dal canto proprio, mira a sfruttare i vantaggi legati al battery swap di cui proprio NIO è tra le principali promotrici.

I vantaggi per gli automobilisti

NIO ha realizzato in Cina una rete per il cambio volante della batteria che conta più di 2.100 stazioni attive (sono raddoppiate nell’ultimo anno) e ha iniziato a proporre la sua tecnologia (giunta alla terza generazione) anche al di fuori dei confini cinesi. Lo fa perché è convinta di offrire una serie di vantaggi ai propri clienti.

NIO Battery Swap

Una stazione di battery swap di NIO

  • Il primo – già detto – è quello di poter ripartire in pochi minuti una volta che si è scaricata la batteria.
  • Il secondo, essendo le batterie delle vetture NIO tutte compatibili tra loro, è di consentire agli automobilisti di scegliere una batteria più o meno capiente in base alle necessità del periodo (c’è, volendo, anche la mostruosa unità da 150 kWh allo stato semisolido che promette 1.000 km di autonomia).
  • Il terzo è quello di slegare l’usura degli accumulatori da quella delle auto.
Foto - Power Swap Station di Nio in Germania

La Power Swap Station di NIO in Germania

Utili anche per calmierare i consumi

Oltre a questo, con il battery swap NIO afferma di poter contribuire a gestire meglio i picchi di consumo. Perché può ricaricare le batterie stoccate all’interno delle stazioni quando le richieste energetiche sono più basse e può fornirle già cariche agli automobilisti anche quando invece la rete elettrica è sotto stress.

Ed è anche per questo motivo che Changan, di proprietà statale, ha scelto di stringere questa nuova collaborazione. Oltre a proporre sul mercato vetture più appetibili per la presenza di questa tecnologia, può aiutare le autorità cinesi che si occupano di energia a gestire in modo più efficiente l’energia disponibile.

Fotogallery: Le stazioni per il Battery Swap di NIO